Posts by admin:

    Asferico n. 67 – Sommario

    August 1st, 2021

    barra-67
    Clicca per vedere i contenuti del numero 67 di asferico, quadrimestrale di fotografia naturalistica.
    Pubblicazione: Agosto 2021 – AFNI edizioni – Fotografia e Natura in articoli e immagini da tutto il mondo.

    • L’Editoriale
      di Marco Ferrari
    • Tuttapertura
      Ann Coppens
    • Voli astratti
      di soci AFNI
      Reale e astratto, due concetti contrapposti. Similmente alla pittura, anche in fotografia vi sono eccellenti esempi di forme di espressione astratta. Ma cosa ci spinge a interpretare la realtà con una sintesi astrattiva?
    • Natura Selvaggia
      di Marco Andreini
      Faggete vetuste, lupi, orsi, camosci appenninici e paesaggi che tolgono il fiato. Un Parco d’eccezione non lontano dalla capitale.
    • Incontro con l’autore: Georg Kantioler
      di Ioannis Schinezos
      Eleganza e minimalismo contraddistinguono le immagini del nostro ospite; che spazia da universi minimi fino a vasti paesaggi montani. 
    • Le acque del Veneto
      di Paolo Ugo
      Le acque del Veneto – fiumi, laghi, lagune, litorali – ospitano una fauna diversificata e ricca, regno soprattutto dell’universo alato .. 
    • Concorso Asferico 2021
      Conosciamo le spettacolari immagini vincitrici del nostro Concorso di quest’anno. Fotografie che raccontano lo scenario naturale e gli animali, sopra e sotto l’acqua. 
    • AFNI commended
      Marco Bertolini
    • AFNI story
      di Alberto Ferro
    • AFNI Social contest
      Antonino La Spina
    • Immagini e Parole
      Nel segno dell’anguilla di Patrick Svensson
      Atlante di flora e fauna del Mediterraneo di E.Trainito R.Baldacconi
      The Handbook of Bird Photography di M.Varesvuo J.Peltomaki B.Màtè

     

    Comments Off on Asferico n. 67 – Sommario

    The Handbook of Bird Photography di M.Varesvuo J.Peltomaki B.Màtè

    August 1st, 2021

    Markus Varesvuo – Jari Paltomaki – Bence Màtè
    The Handbook of Bird Photography
    Rockynook 2013
    Pagg. 368, € 39,99
    e-book in inglese (v. cartacea esaurita)
    https://rockynook.com/
    iep67_3Gli autori di questo libro sono tre icone, talentuosi fotografi conosciuti a livello mondiale e pluripremiati nelle più prestigiose competizioni. M. Varesvuo, J. Paltomaki e B. Màtè sono noti a tutti gli appassionati che predili-gono le specie alate e i loro libro non può mancare nella biblioteca di chi si diletta in questa forma di fotografia naturalistica.
    Oltre 300 pagine corredate da fotografie che lasciano il lettore a bocca aperta e da un testo che non trascura nulla, sia per gli esperti che per i neofiti. Fotoca-mere, lenti, treppiedi, capanni, fotografia dall’auto, dalla barca, come mimetizzarsi, fotografare nelle differenti condizioni atmo-sferiche, nonché i migliori luoghi dove incontrare e fotografare gli uccelli in ogni parte del mondo, vengono trattati approfondita-mente, con dovizia di particolari, senza tralasciare piccoli trucchi ed astuzie. Un capitolo a parte si occupa della post-produzione, della promozione e della vendita delle proprie fotografie.
    (Gianni Menta)
    _________________________________________________

    Recensione pubblicata in Asferico n. 67 (agosto 2021)

    Comments Off on The Handbook of Bird Photography di M.Varesvuo J.Peltomaki B.Màtè

    Atlante di flora e fauna del Mediterraneo di E.Trainito R.Baldacconi

    August 1st, 2021

    Egidio Trainito
    Rossella Baldacconi
    Atlante di flora e fauna del Mediterraneo
    l Castello, 2021
    Pagg. 448, € 35,00
    www.ilcastelloeditore.it
    iep67_2Giunto alla sesta edizione, questo volume si è costruito una meritata fama di precisione e ricchezza di contenuti, specie tra coloro che conoscono il Mediterraneo. Con l’andare del tempo, inoltre, gli autori (Trai-nito è un naturalista, fotografo, ambientalista e molto altro, Baldacconi è una ricercatrice, con PhD in Scienze ambientali) hanno arricchito il testo fino a farlo diventare un vero e proprio trattato. È un volume di storia e geologia del mare che circonda l’Italia: ne racconta le vicende che hanno portato alla vita e alla struttura di questo mare interno. Una parte importante è riservata agli ecosistemi: come sono strutturati, dove sono, che specie li popolano eccetera. Ma il libro è soprattutto un esempio di perfetto uso della fotografia naturalistica per illustrare la biodiversità di un ambiente. Le fotografie, la gran parte degli autori, sono moltissime e asso-lutamente perfette per un vero e proprio Atlante della vita marina. Indispensabile.
    (Marco Ferrari)
    _________________________________________________

    Recensione pubblicata in Asferico n. 67 (agosto 2021)

    Comments Off on Atlante di flora e fauna del Mediterraneo di E.Trainito R.Baldacconi

    Nel segno dell’anguilla – Patrick Svensson

    August 1st, 2021

    Patrick Svensson
    Nel segno dell’anguilla
    Traduzione di Monica Corbetta
    Guanda, 2019
    Pagg. 288, € 18,00
    www.guanda.it


    iep67_1Uno strano libro questo: né racconto a sfondo naturalistico né saggio scientifico né romanzo. Ma proprio questa ambiguità costituisce il suo punto di forza e il clamoroso successo a livello mondiale (tradotto in decine di paesi).
    Durante le sere d’estate un padre e un figlio vanno a pesca di anguille, di queste sfuggenti e strane creature dei mari profondi e dei fossi. I momenti di attesa vengono impiegati nell’ascoltare il silenzio ma anche in con-versazioni in cui imparano a conoscersi. La natura parla e il ragazzo osserva e impara. Questi momenti di intimità familiare sono intervallati da note natura-listiche costituendo, appunto, un miscuglio unico e apparentemen-te paradossale, ma di notevole impatto.
    Il lento viaggio di crescita delle anguille, dal Mar dei Sargassi fino ai nostri fiumi e fossi, diventa allora una metafora struggente del viaggio della vita.

    (Ioannis Schinezos)
    _________________________________________________

    Recensione pubblicata in Asferico n. 67 (agosto 2021)

    Comments Off on Nel segno dell’anguilla – Patrick Svensson

    Asferico N. 67 – Tuttapertura

    August 1st, 2021

    In questo numero nella rubrica ‘Tuttapertura’ ospitiamo lo scatto della fotografa belga Ann Coppens.

    Natura significa per Anne, pace e semplicità ed è proprio questo che cerca di cogliere nelle sue immagini.

    Nel novembre 2016 Ann è stata premiata come Fotografa Europea Qualificata e così è diventata la prima fotografa naturalistica belga con queste abilità.

     

    Guarda l’anteprima dello scatto
    Scorri il sommario del numero 67


    acquisto-singoloabbonamento

    Comments Off on Asferico N. 67 – Tuttapertura

    Asferico N. 67 – Editoriale

    August 1st, 2021

    Clicca e leggi l’editoriale del direttore

    Editoriale67_rid

     

     

     

     

     

     

     

     

    Scorri il sommario del numero 67


    acquisto-singoloabbonamento

    Comments Off on Asferico N. 67 – Editoriale

    #PdV – Infinite forme (bellissime)…di Antonio Monaco

    May 26th, 2021

    Il punto di vista – #PdV
    Infinite forme (bellissime)
    La fotografia macro consente osservazioni ravvicinate ad un dottore naturalista. Le sue lenti indagano tra il fogliame per scovare i bruchi. Autentica passione per Antonio, che adora ammirarli tra colori sgargianti e infinite forme (bellissime).

    Polipodi. Molti di noi li conoscono con il loro nome comune: bruchi.
    Durante le mie uscite, sovente mi capita di sorprendermi a riconoscerli immobili addossati a fili d’erba, a volte vaganti con il loro incedere paziente e sinuoso su staccionate, oppure intenti a fare ciò che sanno fare meglio: mangiare!

    Per me, che sono dottore naturalista, rappresentano, in maniera tangibile e concreta, cosa sia la biodiversità con le sue infinite forme bellissime (parafrasando il titolo del celebre libro di Sean B. Carroll).

    Pdv_MonacTA_03Con la mia fotocamera e il mio obiettivo macro, ogni qualvolta mi si presenta l’occasione, non mi stanco mai di ritrarli, cercando di fissare, nella mente e nel cuore, ogni aspetto di queste bizzarre creature: colori sgargianti con accostamenti cromatici di forme e geometrie da far invidia a maestri come Kandinsky oppure talmente uniformi, da sembrare essi stessi steli o piccoli ramoscelli; adorni di appendici a forma di ipsilon, uncino, spine o talmente ramificate da sembrare una geometria frattale.

    Spesso, quando mi capita di incontrarli, è presente con me mia figlia che prova per loro un’incontenibile ammirazione: colorati, piccoli, teneri ma talvolta capaci di sorprenderci. Come quella volta, sulla murgia pugliese, in un assolato e rosso pomeriggio di marzo in cui all’interno di “nidi” di Malacosoma franconicum (aggregati setosi di bruchi di questa falena) queste larve si muovevano a scatti in maniera sincrona e sincopata come sotto un influsso di chissà quale segnale.
    Oppure quando, nei boschi del Parco Nazionale del Pollino, vidi calarsi, come funamboli esperti, dalle fronde degli alberi e appesi al loro esilissimo filo di seta, piccoli bruchi di geometridi.

    E’ difficile descrivere tutte le caratteristiche di queste stupende forme animali che a volte sono perfino più sorprendenti delle loro immagini adulte (i Lepidotteri, ma anche Mecotteri e Imenotteri).

    Non è facile incontrarli, perché molti di loro sono di dimensioni ridotte e con colori criptici, ma non è neanche possibile ignorarli quando si palesano con le loro colorazioni aposematiche di avvertimento e la loro taglia possente (sfingidi).

    Pdv_MonacTA_13E li possiamo fotografare, riportando a casa ricordi di fantastici tasselli del meraviglioso caleidoscopio della natura che ci circonda, appena prima che si trasformino in crisalidi e poi adulti pronti a perpetuare il ciclo della vita.
    Antonio Monaco, Taranto

    Torna a tutti gli articoli pubblicati


    Antonio Monaco
    Nato in provincia di Bergamo nel 1967, risiede a Taranto da sempre. E’ laureato in Scienze Naturali e il profondo interesse per il mondo naturale si è accompagnato, fin dal 1997, con la fotografia (prima analogica e poi digitale). Ha contribuito, con proprie immagini, all’ultima edizione della Flora d’Italia. E’ socio AFNI dal 2019.
    ico_facebook ico_instagram icoweb

    Comments Off on #PdV – Infinite forme (bellissime)…di Antonio Monaco

    #PdV – La fotografia trasversale…di Daniele Frigida

    May 19th, 2021

    Il punto di vista – #PdV
    La fotografia trasversale
    Fotografare per conoscere, conoscere per salvaguardare. Un modo di pensare e vivere la fotografia naturalistica, che mette al centro tutti gli aspetti dell’ambiente. Il linguaggio tecnico traduce questa intenzione attraverso l’uso di strumenti differenti, dal tele spinto al grandangolo per non lasciare indietro proprio niente.

    Numerosi sono i modi di intendere e praticare la fotografia naturalistica, soprattutto in un contesto come quello italiano, ricco di specie ed ambienti diversi tra loro; non a caso le declinazioni specifiche che questo genere assume sono molteplici e spaziano dalla fotografia faunistica a quella paesaggistica, passando per la macro ed altre ancora.

    Spesso, come conseguenza di vari fattori, tra i quali il gusto personale o la particolare affinità con determinati aspetti della natura, si tende a sviluppare il proprio percorso fotografico concentrandosi esclusivamente solo su una di queste sottocategorie. Le conoscenze, le tecniche e le attrezzature convergono così tutte verso una specifica direzione, permettendo in molti casi di raggiungere risultati di assoluto valore, sia documentale che artistico, ma che molte volte, a mio modesto modo di vedere, restituiscono una visione della natura forse troppo limitata e verticale.

    Personalmente, per contro, cerco invece di avere un approccio alla fotografia quanto più ampio e trasversale possibile, così da provare a cogliere al meglio tutti gli aspetti e le sfumature che la natura è capace di offrire, dai più palesi, come nel caso degli ampi paesaggi di montagna, fino ai più infinitesimali e nascosti, come il sorprendente dettaglio di un fiore o di un insetto.

    PdV_Frigida_03Praticare una fotografia totale, nell’ambito di una ben definita progettualità (altro aspetto per me fondamentale), significa arrivare a comprendere e quindi riprendere un determinato ambiente sotto tutti i vari punti di vista possibili.
    In termini pratici questo si traduce nel riuscire ad armonizzare l’utilizzo di tecniche diverse ed attrezzature apparentemente antitetiche tra loro, fotografando ad esempio nel medesimo contesto con ottiche che, a seconda del soggetto specifico, spaziano dal grandangolo al super tele.

    Tuttavia è dal punto di vista della preparazione alla realizzazione sul campo di ogni immagine che questo approccio presenta la sfida più avvincente per il fotografo, il quale deve continuamente calarsi nei panni dell’eterno discente. Per ottenere buoni risultati in un così ampio campo d’azione le seppur rudimentali conoscenze che si devono avere sono infatti numerose ed in continua espansione; queste vanno, solo per citarne alcune, dalla meteorologia alla botanica, passando per la geologia e l’etologia animale.

    E’ un approccio che certamente richiede molto a chi decide di applicarlo, ma al contempo è quello che più di altri esalta il concetto di fotografia come mezzo di arricchimento della propria sensibilità e conoscenza nei confronti della natura.

    PdV_Frigida_10Credo che ogni ambiente naturale per essere correttamente fotografato (mettendone quindi in risalto i reali tratti salienti) debba sempre essere oggetto di un profondo studio e di una multidirezionale esplorazione. Solo in questo modo il fotografo può arrivare a coglierne il vero genius loci, passaggio imprescindibile per costruire un’opera di divulgazione basata sulle immagini e capace di contribuire alla diffusione di una coscienza pienamente sensibile alla salvaguardia della biodiversità (perché più di tutto è a questo che deve assurgere la fotografia naturalistica). Del resto si protegge ciò che si ama, si ama ciò che si conosce.

    Le immagini che accompagnano questo articolo, più che un portfolio dei miei scatti migliori, sono un concreto esempio di questo mio modo di intendere la fotografia. Sono state scattate tutte nel medesimo ambiente nel corso di alcuni mesi di assidua frequentazione, cambiando di volta in volta, a seconda delle situazioni e dei soggetti, lenti, tecniche e punti di ripresa.
    Il risultato è uno spaccato del paesaggio e di parte della biodiversità che caratterizza le alte terre dei Monti Simbruini, le mie montagne, da diversi anni al centro di un progetto fotografico voluto proprio per portare all’attenzione di un pubblico quanto più vasto possibile quest’angolo di Appennino, ancora troppo poco conosciuto per il suo grande pregio naturalistico.

    Daniele Frigida, Affile, RM

    Torna a tutti gli articoli pubblicati


    NOME COGNOME
    Nato nel 1987, fotografo di natura per passione, da sempre frequenta le montagne dell’Appennino, l’ultimo grande baluardo di integrità naturale dell’Italia centrale e suo terreno d’avventura preferito. Apprezza la fotografia soprattutto per le infinite possibilità che essa offre per entrare in contatto con la natura più autentica e, parallelamente, per approfondirne la conoscenza dei più svariati aspetti.
    Si considera un “romantico” dell’immagine creata sul campo, per tale motivo pone la massima attenzione alla gestione della luce, alla composizione ed ai dettagli durante la fase di scatto, relegando alla postproduzione una quanto più minimale parte nel processo di creazione di una fotografia.
    E’ inoltre fortemente convinto che la fotografia naturalistica trovi il suo più nobile scopo se finalizzata alla divulgazione dei tratti distintivi di un territorio, divenendo quindi veicolo di quella consapevolezza che è fondamentale per una reale valorizzazione, intesa prima di tutto come salvaguardia dell’ambiente e della biodiversità.
    Sulla base di questo principio, al fine di promuovere le peculiarità paesaggistiche e naturalistiche proprie dei Monti Simbruini, le montagne di casa, da anni si dedica a fotografare assiduamente questo specifico territorio; nel 2014 è stato co-fondatore del progetto “Orizzonti Simbruini”.

    ico_facebook ico_instagram icoweb

    Comments Off on #PdV – La fotografia trasversale…di Daniele Frigida

    #PdV – Lasciate ogni pensiero…di Giorgio Gregori

    April 25th, 2021

    Il punto di vista – #PdV
    Lasciate ogni pensiero
    Varcando il confine tra il mondo come lo conosciamo e quello naturale, veniamo trasportati in una dimensione diversa dove i pensieri quotidiani non possono raggiungerci. E’ l’effetto benefico che l’ambiente ha su di noi.

    Circa trent’anni fa, nel corso di una visita al museo di storia naturale della mia città, mi imbattei casualmente in una mostra di fotografia naturalistica.
    Era un’attività a quell’epoca ancora abbastanza di nicchia, praticata da pochi appassionati.
    Quelle immagini furono per me una folgorazione, mi spinsero ad iscrivermi a un gruppo livornese di fotografi che diventarono le levatrici dei miei primi primi vagiti nell’attività di fotografo naturalista.

    PDV_Gregori01_01Ben presto sorse la voglia di esplorare nuovi territori (componente fondamentale della mia personalità, dove per territorio intendo sia il viaggio in altro continente che il vaglio attento di un metro quadrato di campo praticando la macro), e i miei mentori mi indirizzarono presto verso l’oasi wwf di Bolgheri, un luogo a me relativamente vicino e che sarebbe diventato in breve un’ancora non solo fotografica, ma oserei dire esistenziale.

    Tale è la bellezza del luogo (una palude che rappresenta forse l’ultimo lembo della Maremma originaria, ove si assiste al compenetrarsi continuo ma sempre mutevole di cielo, terra ed acqua) che la frequentazione assunse presto i caratteri di una addiction. Ricordo ancora in epoca lavorativa i salti mortali coi quali cercavo di far collimare l’orario di lavoro con la frequentazione del posto, e quanto fosse frustrante non riuscirci.

    Credo che tutti i fotografi appassionati (quindi sicuramente chi legge queste righe) ben conoscano la valenza terapeutica (mi sento di scomodare questo aggettivo a ragion veduta) della frequentazione del proprio spot preferito. Chiudere alle mie spalle il cancello d’ingresso significava anche depositare fuori preoccupazioni, affanni, problemi irrisolti per godere di quella fusione con la Natura che viene ben prima della cattura dell’immagine.
    Al punto che rimpiango di non aver mai proposto di affiggere un cartello all’ingresso con le parole lasciate ogni pensiero o voi ch’entrate…

    Dal punto di vista strettamente fotografico, siamo ovviamente nel regno degli uccelli acquatici, con notevoli contingenti di Anatidi e Oche selvatiche. Va da sé che la stagione migliore per numero di presenze è l’inverno (e mi sovviene subito l’immagine scolpita nella memoria degli osservatori con le gote rosse e i nasi gocciolanti, mentre la tramontana ululava dalle sia pur piccole feritoie).

    PDV_Gregori01_08Ma al di là dei numeri quello che resta dentro, a mio parere, è la grandiosa commistione fra la bellezza animale e quella botanica, e in questa metterei al primo posto la maestosità dei Frassini ossifilli emergenti dalle acque.
    Parole da innamorato, lo ammetto senza pudore.
    Ma non da innamorato geloso, per cui il messaggio finale è questo: vedetela, finché si potrà…

     

    Giorgio Gregori, Livorno

    Torna a tutti gli articoli pubblicati


    Giorgio Gregori
    Nato a Livorno nel 1956, ho lavorato come Medico presso l’ospedale della mia città fino al recente pensionamento.
    Da sempre attratto dal contatto con l’ambiente naturale, da circa trent’anni pratico la fotografia naturalistica, della quale continuo ad esplorare i vari settori con immutata passione dopo aver vissuto tutti i cambiamenti cui è andata incontro in questi decenni. Tramite la condivisione delle mie immagini, sia con associazioni che personalmente tramite i canali web, ho cercato di fornire un sia pur minimo contributo alla diffusione della conoscenza della Natura e alla consapevolezza dell’importanza di difenderla. Avendo spesso condiviso sul campo questa passione con amici fotografi (e che fotografi!) auspico che sia prossimo il momento di riprendere queste piacevoli abitudini
    ico_facebook  icoweb

    Comments Off on #PdV – Lasciate ogni pensiero…di Giorgio Gregori

    #PdV – La sindrome del capanno…di Anne Mäenurm

    April 21st, 2021

    Il punto di vista – #PdV
    La sindrome del capanno
    La prima reclusione, quella del 2020, vista a un anno di distanza. Portò sgomento i primi giorni, poi la nostra autrice ha trovato il modo di ingannare il tempo, concedendosi la possibilità di osservare e fotografare i frequentatori delle mangiatoie. Un approccio nuovo per una fotografa paesaggista, che le ha regalato nuove emozioni e la possibilità di esplorare un nuovo terreno fotografico.

     
    La primavera arriva come sempre improvvisa, portando con sé fiori e un’aria nuova, e il risveglio di ogni abitante del prato di casa, mi spinge a uscire dal torpore invernale. La nuova euforia invade anche quest’anno Castions delle Mura, il piccolo paesino nella campagna della pianura friulana dove risiedo, fra Palmanova e Cervignano.

    PdV_Maenurm01_12La mia passione è la natura e fotografarla in tutti i suoi aspetti mi emoziona ogni giorno, ormai da anni. E per questa mia vocazione la primavera è immancabilmente un momento propizio, una parentesi ciclica dove colori, suoni e profumi vanno fondendosi in un qualcosa che, per l’occhio del fotografo, ha qualcosa di magico.

    Anche la mia amata montagna è sempre lì, ad attendermi, ma devo presto realizzare che ancora una volta non posso correrle incontro. Mi guardo attorno e il cielo è pieno del canto degli uccelli che non disdegnano gli alberi del giardino, anche se l’incanto è guastato da un retrogusto amaro. Questa strana parentesi di una primavera così lontana si ripropone di nuovo, per la seconda volta, da quando l’arrivo della pandemia ha cambiato tutto. Inevitabilmente il tempo piatto della restrizione rimanda la mente a un anno fa, facendo riaffiorare impressioni e ricordi di un lockdown che, malgrado i mesi trascorsi, non pare poi così distante.

    Un anno dopo, passando davanti alla finestra del bagno che affaccia sul pesco noce e il ciliegio, ripenso al capanno che proprio lì avevo allestito nel 2020 per tenere vive le mie passioni.

    Sotto quegli alberi si trovano le mangiatoie invernali, utilissime durante i rigori della stagione fredda per numerose specie, che tuttavia non ho mai avuto il tempo di osservare attentamente. Da sempre mi sono dedicata principalmente al paesaggio, anche perché la mia attrezzatura fotografica non comprende lunghe focali: pertanto, seppur piacendomi, l’avifauna non era mai stata una mia vera priorità. La posizione privilegiata di quello strano e intimo capanno cambiò le carte in tavola, ovviando al bisogno della focale lunga.

    La ricerca di ottenere foto interessanti dei piccoli frequentatori alati del giardino, mi fece capire che non è un’attività né semplice né noiosa e, giorno dopo giorno, mi appassionò sempre più.

    Il tempo investito nell’appostamento domestico ha ingannato in qualche modo l’emergenza Covid. Ho ricercato la luce più favorevole alla fotografia, trascorrendovi quattro ore al mattino e tre nel tardo pomeriggio, e mentre il tempo passava, in un mese riuscii ad osservare ben tredici differenti specie.

    Per una neofita del birdwatching è stato un trionfo! Entrarono a quel punto in gioco manuali da consultare, amici da interpellare: tutto ciò che potè essere di aiuto a capirne qualcosa in più. Insomma, la novità mi piacque! Tortora dal Collare, Frosone, Pettirosso, Storno, Merlo, Ghiandaia, Fringuello, numerose Cinciallegre, Scricciolo, Capinera, Passero, Gazza e Peppola sono le frequentatrici giornaliere. La bellissima Peppola è quella che più mi emoziona; dopo alcune giornate di osservazione, riuscii a fare una buona foto di una bella coppia, dal marcato dimorfismo, sui rami più alti del ciliegio. La più difficile fu la ghiandaia, sempre diffidente, sempre elusiva.

    PdV_Maenurm01_05Pian piano presi confidenza con questo tipo di foto. Le fotografie migliorarono col passare dei giorni, divenendo sempre più interessanti, complice anche l’avanzare della primavera e lo sbocciare dei germogli: il panorama fatto di fiori rosa prima delicati poi sempre più intensi. Arrivarono anche le api e, inaspettato, un lepidottero (Macroglossum stellatarum), per niente facile da riprendere.

    A tutte queste emozioni ripenso guardando adesso quegli alberi da frutto attraverso la mia finestra.
    Un anno è passato. Una nuova, forse tristemente simile, primavera è alle porte.

    Il drammatico momento del Coronavirus ho tentato di combatterlo anche a modo mio e, a chi diceva state a casa, ho risposto chiudendomi all’interno del mio capanno improvvisato…per fotografare si intende!

    Anne Mäenurm, Castions delle Mura (Ud)

    Torna a tutti gli articoli pubblicati


    Anne Mäenurm
    Sono una fotografa dedita alla natura e al paesaggio, con base in Friuli Venezia Giulia, anche se nata e cresciuta nella campagna del Nord dell’Estonia. Per me la fotografia non è soltanto un hobby, ed è diventata un modo per equilibrare la mia vita. Preferisco fotografare il mondo naturale, perché passare il tempo all’aria aperta mi fa sentire vicino alle radici della vita. Ricerco costantemente quei momenti che trasformano il nostro mondo in qualcosa di straordinario e perciò nelle mie immagini mi sforzo di riflettere l’atmosfera, le sensazioni e la meraviglia pura che la natura evoca in noi.
    ico_facebook ico_instagram icoweb

    Comments Off on #PdV – La sindrome del capanno…di Anne Mäenurm

    Asferico n. 66 – Sommario

    April 15th, 2021

    barra-65
    Clicca per vedere i contenuti del numero 66 di asferico, quadrimestrale di fotografia naturalistica.
    Pubblicazione: Aprile 2021 – AFNI edizioni – Fotografia e Natura in articoli e immagini da tutto il mondo.

    • Tuttapertura
      Dag Røttereng
    • Boschi e foreste d’Italia

      di Marco Ferrari
      È uscito Boschi e foreste d’Italia, il secondo volume della collana AFNI dedicata agli ecosistemi della penisola. Con il contributo dei fotografi della nostra Associazione.
    • Il volo del grifone
      di Gianluca Damiani
      Un possente avvoltoio poco compreso dal grande pubblico; ma non dal nostro autore che, per sette anni, ha seguito da vicino questo eccezionale volatore.
    • Incontro con l’autore: Daróczi Csaba
      di Ioannis Schinezos
      Grande creatività e flessibilità operativa caratterizzano il lavoro del nostro ospite; visioni aeree e riprese ravvicinate, pennellate astratte e ritratti animali.
    • Francolino di monte
      di Johannes Wassermann
      Una specie riservata, poco conosciuta e poco fotografata. Ma il nostro autore l’ha individuata e ripresa per diversi anni in una solitaria foresta del Trentino-Alto Adige.
    • L’essenza del viaggio
      di Fortunato Gatto
      Un percorso nel cuore della scoperta. Viaggiare per esplorare fuori ma anche dentro di sé, conquistare con il tempo la consapevolezza della contemplazione.
    • AFNI commended
      Federico Prisco
    • AFNI story
      di Francesco Paci
    • Immagini e Parole
      La pantera delle nevi di Sylvain Tesson
      Capturing motion di Stephen Dalton
      Storia ed evoluzione di Edmund Russell

     

    Comments Off on Asferico n. 66 – Sommario

    #PdV – Avventura con la lontra…di Ciro De Simone

    April 14th, 2021

    Il punto di vista – #PdV
    Avventura con la lontra
    Per un fotografo naturalista, ogni incontro si traduce sempre in un’avventura. Le emozioni che percorrono la nostra mente sono tante, tutte concentrate in quei pochi minuti che la natura sa regalare. Ciro De Simone, fotografo campano, ci racconta proprio uno di quegli intensi, interminabili momenti.

     
    Per la me la fotografia naturalistica è principalmente comunicare l’importanza della tutela della natura. Mi piace collaborare con associazioni che sono impegnate sul territorio nella tutela della fauna e dell’ambiente. Attualmente, come sezione Campania dell’Afni siamo impegnati ad aiutare l’oasi di Persano (luogo dove ho mosso i primi passi nella fotografia naturalistica) promuovendo una raccolta fondi per costruire un capanno per la fotografia naturalistica. Regina dell’oasi è la lontra (Lutra lutra), e qui voglio raccontare il mio incontro con questo raro animale.

    In Italia, la popolazione di lontra è tra le più piccole ed isolate d’Europa.
    La specie è tra le più minacciate della fauna italiana: l’oasi WWF di Serre Persano in Campania, é un luogo dove si può osservare in particolari periodi dell’anno (primavera e autunno) con una piccola dose di fortuna.
    L’oasi di Serre Persano è un po’ la casa di noi appassionati di natura in Campania e già dalle prime visite all’oasi, il sogno di tutti è quello di poterla incontrare.
    L’oasi dispone di capanni per l’osservazione della fauna ed è molto comodo aspettare all’interno l’arrivo di soggetti da fotografare.

    Pdv_DeSimone01_08Come tante altre volte mi trovavo in un capanno dalle 6,30 del mattino ed ero in attesa del mio soggetto preferito, il martin pescatore, ma niente: le ore trascorrevano veloci e lo scontento per la mancanza di avvistamenti aumentava. Solo due i tentativi di atterraggio del martino sul un ramo, non andati a buon fine e qualche scatto a un falco di palude. Stavo ormai pensando di tornare a casa archiviando la giornata come una delle tante già vissute: scheda vuota!

    Normalmente utilizzo una 5D Mark III ma, sperando in un ritorno del falco di palude per qualche scatto più ravvicinato, montai la 7D sul 300 2,8 duplicato. Non passarono nemmeno due minuti ed ecco che un lieve movimento tra l’erba attirò la mia attenzione. Ad un tratto comparve una Lontra con un pesce in bocca!!!
    Puntai velocemente la camera, ma avevo troppi millimetri…e la 7D non riuscì a mettere a fuoco.

    Puro panico: “adesso perdo un incontro eccezionale” pensai fra me. Provai altri tentativi di inquadrare, ma…niente!
    Decisi allora di togliere il duplicatore, e a quel punto la lontra scomparve.
    Lo sconforto mi prese e cominciai a pensare di aver perso una grande occasione.
    Nel frattempo controllando i movimenti dell’acqua, notai delle piccole onde…”Ma allora sta ancora qui” pensai, e il miracolo avvenne!
    Emerse dall’acqua e restò quasi 2 minuti con la testa fuori regalandomi una cinquantina di scatti, per me bellissimi.

    Contentissimo, immaginavo il ritorno a casa con il felice pensiero di poter condividere quel momento magico ed ecco che vedo nuovamente la Lontra riemergere con un grosso pesce in bocca!
    Un nuovo regalo strepitoso, una nuova occasione che mi permise di scattare ancora.

    L’incontro è stato per me incredibile, e col passare del tempo la lontra è stata avvistata altre volte dai capanni dell’oasi.
    Una volta, mentre accompagnavo in visita la classe elementare di mio figlio Luca, mi capitò di entrare in un capanno e di incontrare nuovi frequentatori che me ne parlarono.
    Un po’ stupito e un po’ incredulo pensai che fosse stata scambiata con una nutria e invece era ancora là, in bella vista, appoggiata su un tronco, completamente fuori dall’acqua.

    Pdv_DeSimone01_05Quello fu un avvistamento fugace, senza immagini per testimoniarlo. Non feci in tempo nemmeno ad estrarre la macchina dallo zaino che subito si rituffò. Ma i miei nuovi amici mi raccontarono di averla osservata, e fotografata per lungo tempo quella mattina. 
    Segno che l’ambiente di Persano le è gradito e che si trova a suo agio senza sentirsi minacciata.

    Un animale straordinario a cui auguro tanta fortuna, perchè possa vivere sempre libera e al sicuro nei nostri fiumi.

    Ciro De Simone, Portici (Na)

    Torna a tutti gli articoli pubblicati


    Ciro De Simone
    Fin da piccolo ho amato la vita a contatto della natura, coltivata da ragazzo negli scouts e anche da adulto come capo scout. La fotografia si è affacciata nella mia vita verso i 18 anni e per un periodo ho lavorato come fotografo in villaggi vacanze, poi altri impegni professionali mi hanno allontanato sia dalla naura che dalla fotografia. Sono amministratore di un’azienda che tratta prodotti per la stampa digitale e fotografica. Dal 2012 ho unito le mie due grandi passioni
    nella fotografia naturalistica.
    ico_facebook ico_instagram icoweb

    Comments Off on #PdV – Avventura con la lontra…di Ciro De Simone

    #PdV – Questione di particolari…di Marco Bondini

    April 7th, 2021

    Il punto di vista – #PdV
    Questione di particolari
    Appassionarsi di fotografia macro e della conoscenza approfondita delle specie ritratte. Studiare, confrontarsi con entomologi esperti per classificare gli animali. Questo l’approccio che ci racconta, passo per passo, Marco Bondini.

     
    Chi mi conosce sa che il mio grande amore nei confronti della natura si è da sempre e soprattutto concretizzato nello studiare e documentare fotograficamente il micromondo.

    Per questo motivo ogni tanto gli amici mi interpellano e mi chiedono il nome degli insetti che hanno fotografato; non sempre però riesco a dare risposte certe, sia perchè le mie conoscenze sono limitate, sia perchè nelle foto che mi vengono presentate molto spesso non si vedono i piccoli particolari necessari all’identificazione.

    Ho cominciato a pormi il problema di classificare i miei soggetti una decina di anni fa, quando con la mia prima fotocamera digitale ho potuto dire addio alla parsimonia con cui scattavo le mie foto e ho cominciato a ritrarre tutti gli animali che vedevo e che avevano sei, otto o più zampe.

    Per riuscire ad avere le informazioni che mi mancavano ho frequentato vari forum naturalistici, sono entrato in contatto con entomologi professionisti e ho conosciuto delle persone molto pazienti e sempre disponibili a rispondere alle mie domande. In questo modo sono riuscito a classificare più di 20.000 foto, per un totale di quasi 2.000 specie.

    PdVBondini01_07Probabilmente vi state chiedendo il senso di tutto questo lavoro; la risposta è che io penso che non si possa proteggere e tutelare ciò che non si conosce. Se non si vuole che la biodiversità si impoverisca è necessario sforzarsi per conoscere e far conoscere agli altri la ricchezza del nostro ambiente. Il discorso ovviamente è valido per gli animali di grandi dimensioni, ma anche per i piccoli insetti che sono alla base della piramide alimentare.

    Da sempre gli scienziati hanno cercato di ricostruire il cosiddetto “albero della vita”, risalendo dalle prime cellule, antenate comuni di animali e piante, per arrivare a tutte le forme di vita con cui condividiamo il pianeta. Questo immane lavoro diventa ancor più complesso quando si entra nel mondo degli invertebrati: numerose nuove specie vengono descritte ogni anno, generi vengono accorpati o divisi, sottospecie diventano specie…

    Il nostro attuale sapere costituisce il risultato di secoli di studi e ricerche, ma è solo una piccola percentuale di tutto ciò che rimane da scoprire.
    I fotografi naturalisti, con le loro osservazioni, possono e devono dare un contributo al lavoro dei ricercatori che, da soli, non riescono ad arrivare ovunque. Ovviamente oltre alle foto artistiche è necessario farne qualcuna molto dettagliata.
    Per illustrare questa cosa con un caso specifico, voglio farvi vedere qualche immagine dove sono ritratti alcuni coleotteri appartenenti alla famiglia Malachiidae. Questi sono insetti relativamente facili da osservare, nel periodo primaverile-estivo; io li trovo sempre nei fiori o sulle graminacee. A mio parere sono anche fotogenici perchè hanno colori molto accesi. Quando ho cominciato a fotografarli mi sembravano tutti uguali, appartenenti alla stessa specie; quando però ho cominciato a postarli su un forum naturalistico mi sono accorto di quanto mi stessi sbagliando e quanto fossero importanti quei piccoli particolari che ad un primo esame non mi erano saltati all’occhio.

    Apro una parentesi per ringraziare l’entomologo Gabriele Franzini che ha pazientemente analizzato tutte le mie foto e mi ha dato delle utili indicazioni su come riconoscere questi piccoli abitanti dei prati. Con mia grande sorpresa ho scoperto che i miei esemplari appartenevano addirittura a quattro specie e tre generi diversi: Malachius australis, Anthomalachius spinosus, Clanoptilus italicus e Clanoptilus spinipennis.

    Senza addentrarci nell’illustrare le chiavi dicotomiche di questi insetti, vi dirò che alcuni dei particolari necessari all’identificazione sono: l’apice delle elitre, la forma dei primi articoli delle antenne, il colore di tarsi e palpi, la peluria più o meno corta… Insomma, è necessario fotografarli da più angolazioni se si vogliono identificare.

    Le foto del Clanoptilus spinipennis sono quelle che mi hanno dato più soddisfazione: in Italia vivono due sottospecie: quella nominale (spinipennis) è diffusa nel settentrione e l’altra (brevispina) è diffusa nel meridione. Gli areali conosciuti delle due sottospecie arrivavano rispettivamente a Riccione e Pescara.

    PdVBondini01_14Con la segnalazione del mio esemplare, trovato sul Monte Conero, l’areale conosciuto della sottospecie settentrionale si amplia di un centinaio di Km verso sud. Sicuramente questa è poca cosa, ma sono ugualmente felice per aver aiutato ad inserire un ulteriore piccolo tassello nel puzzle della conoscenza di questo coleottero. Concludo quindi esortandovi a non tralasciare i particolari e a segnalare le vostre osservazioni: potrebbero essere più importanti di quanto non pensiate.
    Marco Bondini, Ancona

    Torna a tutti gli articoli pubblicati


    Marco Bondini
    Nato nel 1964 ad Ancona. Ho cominciato a riprendere la natura quando avevo 14 anni, utilizzando una cinepresa super8 equipaggiata con un obiettivo macro. Ho seguito un percorso diverso da quello della laurea in scienze naturali, ma non ho mai smesso di interessarmi alle piccole forme di vita che si possono incontrare in ogni prato, emozionandomi come un bambino ogniqualvolta riesco ad essere testimone di un comportamento particolare o riesco ad immortalare una specie per me nuova.
    ico_facebook ico_instagram

    Comments Off on #PdV – Questione di particolari…di Marco Bondini

    #PdV – Evolvere verso nuove prospettive…di Giovanni Angradi

    March 31st, 2021

    Il punto di vista – #PdV
    Evolvere verso nuove prospettive
    L’articolo della settimana è molto personale. Giovanni, fotografo marchigiano, ci racconta di come la sua vita sia cambiata totalmente, avvicinandosi alla natura e a un mondo “lento”, scoperto in un piccolo borgo italiano. La divulgazione alla conoscenza del territorio si è unita alla fotografia di natura, scoprendo di avere occhi nuovi e nuove emozioni.  
     
    Quando nel 2008 decisi di acquistare una piccola abitazione nel borgo di Elcito, un castello del 1300 arroccato su uno sperone di roccia a 820 metri di altezza alle falde del Monte San Vicino, non mi ero reso conto di cosa questa scelta avrebbe rappresentato in futuro per la mia vita.

    Ero un ambientalista e fotografo della domenica in cerca di pace e tranquillità dopo una vita un po’ movimentata.

    Stavo partecipando assieme ad altri amici alla battaglia per la istituzione di una Riserva Regionale osteggiata dalle solite lobby dei cacciatori e dei fuoristradisti e non solo.

    Partita vinta alla fine del 2009 ed alcuni anni dopo con l’ampliamento dei confini, Elcito conosciuto anche come il piccolo Tibet delle Marche, è entrato a far parte dell’area protetta.

    È stato in quel periodo che sono stato contattato da alcuni fotografi dell’Afni Marche che volevano dei consigli per realizzare un libro fotografico dedicato all’area protetta poi pubblicato con il titolo Il Monte San Vicino. Scoperte le potenzialità della fotografia naturalistica ho partecipato ad un corso organizzato dall’Afni Marche e sono entrato a far parte dell’associazione.

    #PdV_Angradi1_06 Conoscendo perfettamente il territorio è cambiato completamente il mio approccio alla fotografia ed il modo di interpretarla e viverla. Ma soprattutto è cambiato il modo di avvicinarmi all’ambiente e ad osservarlo come non mi era mai successo prima. Era un periodo nel quale facevo anche la guida escursionistica e mi sono reso conto che i tempi dell’escursionismo non sono assolutamente quelli della fotografia. Per il primo lo scopo principale è il camminare per la fotografia invece è fermarsi, cercare, ascoltare vedere e poi eventualmente fotografare e magari non contenti del risultato ritornare sui propri passi e cercare inquadrature diverse aspettando quel raggio di luce che ti permetta di tornare a casa con il cuore leggero e l’ansia di vedere il risultato.

    Ed è stato così che ho scoperto che ero vicino a due aree floristiche protette, con fioriture che iniziavano con i primi tepori invernali fino all’autunno inoltrato.

    Poche centinaia di metri dal paese, su vecchi terrazzamenti una volta coltivati, in primavera nascevano orchidee di ogni tipo e la vegetazione spontanea favoriva la presenza di bruchi e farfalle in continuazione.

    Poi la faggeta secolare del Canfaito, una volta attraversata solo sui sentieri ora veniva vissuta anche nei più piccoli anfratti alla ricerca di forme e colori ma soprattutto sensazioni da vivere nell’assoluto silenzio.

    Ed infine scoprire che in fondo all’altipiano del Canfaito c’era una specie di belvedere che spaziava dai Sibillini, al Gran Sasso, alle montagne abruzzesi fino al mare e da dove alzandosi nel pieno della notte si poteva vedere il sole sorgere dal mare ed illuminare le montagne ed il paesaggio sottostante, spesso immerso in un mare di nebbie.

    Contatto con la natura, lunghe sedute fotografiche a qualunque ora del giorno compreso il silenzio e l’atmosfera magica della notte hanno accompagnato ed accompagnano la mia vita.

    Giovanni Angradi, Cantiano (Pu)

    Torna a tutti gli articoli pubblicati


    Giovanni Angradi
    Nato a Cantiano in provincia di Pesaro-Urbino nel 1949 ed una vita lavorativa da impiegato ha da sempre amato la fotografia, condotta quasi esclusivamente per i ricordi delle varie ferie estive e poco altro. Dopo la pensione, ha cambiato completamente stile di vita, dedicandosi all’ambientalismo ed alla didattica ambientale rivolta soprattutto alle nuove generazioni. Ottenuta l’abilitazione come Guida Escursionistica Ambientale, dopo tanti anni passati nel Cai, ha iniziato ad accompagnare escursioni, con lo scopo soprattutto di far conoscere i territori e continuando quindi sul campo la didattica ambientale e cercando soprattutto di sviluppare nei partecipanti la tematica del rispetto e della tutela dell’ambiente. L’incontro con alcuni fotografi Afni ha aperto nuove prospettive ed un modo completamente diverso di interpretare la fotografia.
    ico_facebook ico_instagram

    Comments Off on #PdV – Evolvere verso nuove prospettive…di Giovanni Angradi

    #PdV – Dall’alto…di Marco Maggesi

    March 24th, 2021

    Il punto di vista – #PdV
    Dall’alto
    Affrontiamo gli aspetti di un punto di vista propriamente detto, ovvero l’approccio e le tecniche utilizzate dal fotografo, per rappresentare il mondo con una visione insolita, soprattutto se applicata alla macro.
     
     
    Prima dell’avvento su larga scala dei droni, era molto raro osservare fotografie scattate dall’alto.

    Ricordo ancora bene lo stupore e la meraviglia che provai osservando la foto “Creative dining” di Brian Skerry, premiata al Wildlife Photographer of the Year nel 2014, che rappresentava un gruppo di delfini in caccia in un fiume della Florida, ottenuta fotografando da un elicottero.

    PDV_Maggesi06Capii che rimanendo ortogonali al terreno si potevano ottenere fotografie con tutto il campo inquadrato a fuoco.
    Non disponendo di elicotteri, presi spunto applicando questa tecnica nel mio campo, la macrofotografia, cercando situazioni favorevoli per poterla utilizzare.

    Con il fidato Micro-Nikkor 60mm, iniziai a fare le prime prove e a ottenere dopo breve tempo alcuni risultati appaganti sui miei soggetti preferiti: anfibi e invertebrati.

    Questo metodo di lavoro diventò ancora più soddisfacente quando iniziai ad aiutarmi con flash e pannelli riflettenti, per ottenere luci uniformi sul campo inquadrato e applicando la tecnica in presenza di sfondi piuttosto omogenei, in modo che le immagini risultanti non includessero troppi elementi di disturbo o distrazione.

    Smarcandomi dalla linea dell’orizzonte capii che era possibile avere maggiore libertà nell’inquadratura potendo ruotare la camera a piacimento.
    Successivamente ho applicato questa tecnica con altre ottiche che spaziano dal grandangolare al teleobiettivo.

    Lo studio della composizione e delle geometrie chiaramente è un percorso che ho iniziato con la fotografia classica ma che trova in questa tecnica un’esaltazione necessaria, poiché tutto l’inquadrato risulta a fuoco e bisogna essere molto precisi nei tagli su tutti i lati del fotogramma.

    Proprio grazie a questa tecnica ho ricevuto alcuni riconoscimenti nei concorsi fotografici che mi hanno spinto a continuare ad elaborare gli scatti ottenuti fotografando la natura “dall’alto”.

    PDV_Maggesi13Osservare i lavori degli altri fotografi può aprire le porte a nuove idee e ispirarci per produrre immagini inedite. Non si tratta di copiare ciò che è già stato fatto da qualcun altro, bensì rielaborare alcuni contenuti, che siano di tecnica, stile o utilizzo delle luci e incorporarli nel nostro flusso di lavoro; una sana ispirazione che può arrivare come un fulmine a ciel sereno e cambiare il nostro punto di vista.

    Qui presento alcune delle immagini più riuscite, scattate utilizzando questa tecnica che ancora oggi continuo a coltivare, evolvere ed applicare sul campo.

     

    Marco Maggesi, Genova

    Torna a tutti gli articoli pubblicati
     


    Marco Maggesi
    Nato nel 1987 a Genova, fin da bambino amante e frequentatore dei boschi dell’appennino Ligur-Piemontese. Laureato nel 2013 in Scienze Naturali e nel 2016 in Monitoraggio Biologico, ha collaborato con l’università di Genova per la ricerca sul Batrachochytrium dendrobatidis, fungo patogeno della pelle anfibia.
    Fotografa la natura dal 2008, focalizzando i suoi lavori su flora e fauna autoctone, principalmente sulla fauna minore, realizzando anche mostre divulgative. Amante della varietà degli ambienti del nostro Paese, dal mediterraneo all’alpino.
    ico_facebook ico_instagramicoweb

    Comments Off on #PdV – Dall’alto…di Marco Maggesi

    Nelle zone umide

    February 17th, 2021

    Dal 2 febbraio abbiamo iniziato un viaggio nelle zone umide italiane, attraverso le fotografie dei nostri soci e i video delle sezioni regionali dell’AFNI.
    Le immagini scattate da nord a sud della Penisola, compongono un mosaico di bellezza e biodiversità: uno dei più complessi tra gli ecosistemi è così rappresentato dai fotografi.

    Tutto ha inizio con la volontà di celebrare queste aree di confine, dove gli equilibri di acqua e terra generano la vita, a partire dalla giornata mondiale delle zone umide, nel 50° anno dalla sottoscrizione della Convenzione di Ramsar.

    Ogni giorno pubblichiamo dieci immagini su queste pagine e sui profili facebook e instagram della nostra Associazione, nella speranza di ricordare e ricordarci il valore inestimabile della natura, per proteggerla e difenderla.

    #RestoreWetlands non è solo il nostro hashtag, ma anche il nostro invito, perchè questi scrigni di biodiversità possano raggiungere in buona salute le generazioni future.


    Guarda tutte le gallerie:

    Per cercare il nome dell’autore cliccare Ctrl+F


    Data

    Autori

    Clicca qui
    per i video
    delle sezioni regionali

    Abruzzo
    Emilia Romagna
    Lombardia
    Marche
    Puglia
    Sardegna
    Sicilia

    Clicca qui
    per le foto della settimana dall’8 al 15 marzo

    Aiello Antonio, Ambrosi Francesco, Angradi Giovanni, Annibali Cristina, Barattini Massimo, Barattini Stefano, Barbanera Paolo, Bassani Francesco, Belegni Emanuele, Biagioni Carla, Caporale Luciano, Cappuccioni Alessandro, Cillo Fabrizio, Colleo Paolo, Daina Palermo Andrea, De Maglie Fulgenzio, Di Fulvio Valerio, Filonzi Gianni, Furcas Gianluca, Garofalo Anna Floriana, Giamberini Silvia, Giordano Anna, Giuffré Ezio, Gregori Giorgio, Ianiro Alfonso, Izzotti Andrea, Loverre Pamela, Luciani Matteo, Maggesi Marco, Maniciati Armando, Marchitelli Antonio, Mastracci Renzo, Mazzola Clara, Meliconi Agnese, Mocci Elisa, Moratti Roberto, Nisi Giovanni, Paci Francesco, Pieni Massimo, Pisani Angelo, Pizzitola Melchiorre, Puddu Bettina, Rinaldi Roberto, Rossi Cesare, Samaritani Massimo, Scortichini Mirko, Sepe Salvatore, Sestieri Lorenzo, Simoncini Luca, Stimolo Giovanni, Stimolo Renzo, Tedesco Simona, Ugo Paolo, Vermigli Andrea, Villari Sara, Zanecchia Luciano, Zitelli Mirco

    Clicca qui
    per le foto della settimana dall’1 al 7 marzo

    Altieri Vitantonio, Anti Francesco, Aresti Davide, Barbera Antonino, Battista Leonardo, Benazzato Oscar, Bergamini Valentina, Bertolini Marco, Bianchi Giuseppino Loris, Boero Baroncelli Alessandro, Bondini Marco, Cacopardi Saverio, Caddia Alessandro, Cairotti Marco, Carbonetti Flavia, Coco Mathia, Cordero Federica, Crisponi Giangiorgio, Crovetto Federico, De Ronch Luca, De Simone Ciro, Delli Carlo, Di Stefano Susanna, Doa Gianluca, El Rhafil Faisal, Espis Gabriele, Falcomatà Andrea, Fazio Daniele, Ferretti Davide, Fratini Franco, Freddi Serena, Gon Marco, Innocenti Gianni, Lavorante Vincenzo, Leggieri Salvatore, Maresca Paolo, Matarrese Maria Teresa, Miglio Marinella, Monaco Antonio, Musotto Antonio, Ori Marina, Panzarino Onofrio, Paolinelli Franco, Pastore Federico, Plini Paolo, Polonioli Marco, Prisco Federico, Privitera Alberto, Santucci Bruno, Sedda Giuseppe, Spataro Giuseppe, Spinella Giovanni, Tiraferri Raffaele, Torre Paolo, Vinciguerra Pietro, Vincis Cristian

    Clicca qui
    per le foto della settimana dal 22 al 28 febbraio

    Aiello Antonio, Ambrosi Francesco, Angradi Giovanni, Annibali Cristina, Barattini Massimo, Barattini Stefano, Barbanera Paolo, Barchiesi Saverio, Bassani Francesco, Belegni Emanuele, Bertolini Marco (Emilia Romagna), Bertolini Marco (Liguria), Biagioni Carla, Caporale Luciano, Cappuccioni Alessandro, Cillo Fabrizio, Colleo Paolo, Daina Palermo Andrea, De Maglie Fulgenzio, De Simone Ciro, Di Fulvio Valerio, El Rhafil Faisal, Filonzi Gianni, Furcas Gianluca, Garofalo Anna Floriana, Giamberini Silvia, Giordano Anna, Giuffré Ezio, Gregori Giorgio, Ianiro Alfonso, Izzotti Andrea, La Spina Antonino, Loverre Pamela, Luciani Matteo, Maggesi Marco, Maniciati Armando, Marchitelli Antonio, Mastracci Renzo, Mazzola Clara, Meliconi Agnese, Mocci Elisa, Moratti Roberto, Nisi Giovanni, Paci Francesco, Pieni Massimo, Pisani Angelo, Pizzitola Melchiorre, Potì Maura, Puddu Bettina, Raffa Alessandra, Rinaldi Roberto, Rossi Cesare, Samaritani Massimo, Sanna Mauro, Scortichini Mirko, Sepe Salvatore, Sestieri Lorenzo, Severi Claudio, Simoncini Luca, Stimolo Giovanni, Stimolo Renzo, Tedesco Simona, Tosi Paolo, Ugo Mirko, Ugo Paolo, Vermigli Andrea, Villari Sara, Zanecchia Luciano, Zitelli Mirco

    Clicca qui
    per le foto della settimana dal 15 al 21 febbraio

    Altieri Vitantonio, Anti Francesco, Aresti Davide, Barbera Antonino, Battista Leonardo, Benazzato Oscar, Bergamini Valentina, Bianchi Giuseppino Loris, Boero Baroncelli Alessandro, Bondini Marco, Bottini Simone, Caddia Alessandro, Cairotti Marco, Camera Guido, Cappuccioni Alessandro, Carbonetti Flavia, Coco Mathia, Colleo Paolo, Cordero Federica, Crisponi Giangiorgio, Crovetto Federico, De Ronch Luca, Delli Carlo, Di Stefano Susanna, Doa Gianluca, Espis Gabriele, Falcomatà Andrea, Fazio Daniele, Ferretti Davide, Fratini Franco, Freddi Serena, Giamberini Silvia, Gioggi Maurizio, Gisel Andreas, Giuffré Ezio, Gon Marco, Gregori Giorgio, Innocenti Gianni, Lavorante Vincenzo, Leggieri Salvatore, Maniciati Armando, Maresca Paolo, Matarrese Maria Teresa, Miglio Marinella, Mocci Elisa, Monaco Antonio, Musotto Antonio, Ori Marina, Panzarino Onofrio, Paolinelli Franco, Pastore Federico, Plini Paolo, Polonioli Marco, Prisco Federico, Privitera Alberto, Puddu Bettina, Rossi Cesare, Samaritani Massimo, Santucci Bruno, Scortichini Mirko, Sedda Giuseppe, Spataro Giuseppe, Spinella Giovanni, Tiraferri Raffaele, Torre Paolo, Vinciguerra Pietro, Vincis Cristian

    Clicca qui
    per le foto della settimana dall’8 al 14 febbraio

    Aiello Antonio, Ambrosi Francesco, Angradi Giovanni, Annibali Cristina, Anti Francesco, Barattini Massimo, Barattini Stefano, Barbanera Paolo, Barchiesi Saverio, Bassani Francesco, Battista Leonardo, Belegni Emanuele, Bertolini Marco (Liguria), Biagioni Carla, Bianchi Giuseppino Loris, Bondini Marco, Caporale Luciano, Carbonetti Flavia, Cillo Fabrizio, Coco Mathia, Corda Marco, Daina Palermo Andrea, De Maglie Fulgenzio, De Simone Ciro, Di Fulvio Valerio, El Rhafil Faisal, Fantini Sonia, Filonzi Gianni, Furcas Gianluca, Garofalo Anna Floriana, Gioggi Maurizio, Giordano Anna, Ianiro Alfonso, Izzotti Andrea, La Spina Antonino, Lavorante Vincenzo, Loverre Pamela, Luciani Matteo, Maggesi Marco, Marchitelli Antonio, Mastracci Renzo, Mazzola Clara, Meliconi Agnese, Moratti Roberto, Nisi Giovanni, Ori Marina, Paci Francesco, Pieni Massimo, Pisani Angelo, Pizzitola Melchiorre, Potì Maura, Raffa Alessandra, Sanna Mauro, Sepe Salvatore, Severi Claudio, Simoncini Luca, Stimolo Giovanni, Stimolo Renzo, Tedesco Simona, Tosi Paolo, Trisolino Pamela, Ugo Mirko, Ugo Paolo, Vermigli Andrea, Villari Sara, Zanecchia Luciano, Zitelli Mirco

    Clicca qui
    per le foto della settimana dal 2 al 7 febbraio

    Altieri Vitantonio, Aresti Davide, Barbera Antonino, Barchiesi Saverio, Benazzato Oscar, Bergamini Valentina, Bertolini Marco (Emilia Romagna), Bertolini Marco (Liguria), Boero Baroncelli Alessandro, Bottini Simone, Cacopardi Saverio, Caddia Alessandro, Cairotti Marco, Camera Guido, Cordero Federica, Crisponi Giangiorgio, Crovetto Federico, De Ronch Luca, Delli Carlo, Di Stefano Susanna, Doa Gianluca, Espis Gabriele, Falcomatà Andrea, Fazio Daniele, Ferretti Davide, Fratini Franco, Freddi Serena, Gisel Andreas, Gon Marco, Innocenti Gianni, La Spina Antonino, Lambertucci Lorenzo, Leggieri Salvatore, Maresca Paolo, Matarrese Maria Teresa, Miglio Marinella, Monaco Antonio, Musotto Antonio, Panzarino Onofrio, Paolinelli Franco, Pastore Federico, Plini Paolo, Polonioli Marco, Potì Maura, Prisco Federico, Privitera Alberto, Sanna Mauro, Santucci Bruno, Sedda Giuseppe, Severi Claudio, Spataro Giuseppe, Spinella Giovanni, Tiraferri Raffaele, Torre Paolo, Ugo Mirko, Vinciguerra Pietro, Vincis Cristian

    Comments Off on Nelle zone umide

    #PdV – Quando il tempo non esiste…di Saverio Barchiesi

    February 17th, 2021

    Il punto di vista – #PdV
    Quando il tempo non esiste
    La natura vissuta in totale immersione accoglie e esalta la concentrazione, il pensiero, le sensibilità. E allora i pensieri possono correre liberi in uno spazio “senza tempo”, come quello descritto dal nostro autore, quando riesce a concedersi una giornata governata solo dai ritmi circadiani.
     
     
    Ecosì è successo nuovamente: dopo il lockdown primaverile, la mia regione, le Marche, è passata dal colore giallo, all’arancio (parlo ovviamente delle aree a cui si associano i colori in base al rischio epidemico di diffusione del coronavirus), decretando un limite drastico ai movimenti delle persone.
    Fortunatamente mi sono mosso in tempo e sono riuscito a fare delle uscite fotografiche per godermi la stagione più bella dell’anno per i fotografi, l’autunno, che con i suoi stupendi colori veste la natura.
    I gialli gli aranci ed i rossi hanno colorato i nostri paesaggi e, come dicevo, purtroppo anche le nostre regioni per altri motivi, queste uscite mi hanno però permesso di non pensare troppo a questi tristi eventi.

    I momenti che trascorro a contatto con la natura per fotografare, sono scanditi solo dalla luce: mi ritrovo a controllare l’orologio solo perché il buio prende campo e l’esposimetro è lì ad indicarlo. Per questo le giornate più proficue dal punto di vista fotografico sono quelle completamente assenti da impegni, ho creato quindi nel mese di ottobre e novembre i presupposti per godermi questa stagione.

    Pdv_Barchiesi1_02Queste occasioni senza tempo mi permettono di ambientarmi nel luogo, per cogliere tutta la bellezza che esprime: il cambio della luce e delle condizioni atmosferiche trasformano radicalmente quello che ci circonda e da un paesaggio piatto e banale può scaturire lo stupore per uno scenario maestoso.
    Mi piace lasciarmi sorprendere da questi cambiamenti e da luoghi che non conosco.

    Non amo programmare orari, recarmi in punti super frequentati da altri fotografi per rifare immagini già scattate a migliaia, che poi ovviamente risultano tutte uguali e spesso troppo impersonali. Mi piace credere che la mia foto sia unica, perché io sono unico (soprattutto per i miei difetti ovvio) e io decido dove, come e perché scattare.
    Anche i cambiamenti in me stesso si riflettono nelle foto. Gli stessi luoghi cambiano al cambiare del mio umore, le mie esperienze di vita…i libri che leggo ad esempio, mi portano sicuramente a visioni diverse in periodi diversi della mia esistenza.

    Ritornando ai luoghi, dopo aver assorbito i grandi spazi mi dedico ai particolari, l’occhio si concentra sempre più sulle porzioni più piccole del paesaggio, non per questo meno affascinanti, ma che a me colpiscono solo dopo un po’, solo dopo essermi ambientato, o forse in realtà è la natura mi si mostra solo dopo aver capito che sono lì per lei, per ammirarla, per corteggiarla e non per “uno scatto e via”.

    Pdv_Barchiesi1_14L’appennino marchigiano offre spazi incantevoli, mi sorprendo sempre nel constatare che a pochi chilometri da casa puoi ritrovarti isolato completamente nella natura, senza traffico e persone.
    Questo mi consola, penso che non abbiamo ancora distrutto tutto, nessuno può sapere cosa ci riserverà il futuro, il cambiamento può essere repentino in qualsiasi direzione, quello che stiamo vivendo in questo ne è la dimostrazione.
    Non per questo dobbiamo rassegnarci pensando di essere ininfluenti nella conservazione dell’ambiente, molto di quello che vediamo intorno a noi è colpa e merito nostro, mai fermarsi nel perseguire il nostro obiettivo di fotografi naturalisti dell’AFNI: prima quello collettivo di rispetto e conservazione dell’ambiente e poi anche quello più personale di uno scatto che conservi tutte le sensazioni della nostra giornata a contatto con la natura.

     

    Saverio Barchiesi, Monsano (An)

     Torna a tutti gli articoli pubblicati


    Saverio Barchiesi
    Saverio Barchiesi. Nato nel 1968, vivo nelle Marche. Sono passati quasi 15 anni dall’inizio del mio viaggio con la fotografia, è un percorso che non trova sosta, è per me un viaggio necessario, è un viaggio per scoprirmi, per capirmi, per trovare un equilibrio, in questo viaggio la mia compagna è la natura, perché è la cosa più pura e sincera che si possa trovare.
    ico_facebook ico_instagram icoweb

    Comments Off on #PdV – Quando il tempo non esiste…di Saverio Barchiesi

    #pdv – Obiettivi puntati al cielo…di Giovanni e Renzo Stimolo

    February 8th, 2021

    Il punto di vista – #PdV
    Obiettivi puntati al cielo
    Come ha cambiato la pandemia, se lo ha fatto, il modo di scattare e di vivere la natura di un fotografo naturalista? Le limitazioni nel movimento hanno costretto i fotogrammi, ma non hanno certamente limitato la passione e le energie. Ce lo raccontano due fotografi, due fratelli.
     
     
    Per due amanti della natura e della fotografia naturalistica itinerante, priva di lunghi appostamenti e/o capanni, è una vera sfida fissare il punto di ripresa.
    Per di più siamo soliti cestinare tutti gli scatti contenenti elementi antropici, a meno che non si tratti di manufatti rurali.

    PdV_Stimolo-5In questa situazione che limita fortemente i nostri movimenti, realizzare scatti che non tradiscano i nostri canoni, appostati nella terrazza della nostra abitazione, circondati da una distesa di tetti e una selva di antenne, ci ha spinti a reinventarci.
    In queste condizioni apprezziamo ancor più, se mai ce ne fosse stato bisogno, il valore della wilderness di cui siamo continuamente alla ricerca e che spesso troviamo nel nostro girovagare, quando ancora era possibile farlo. Da questa posizione obbligata, l’unica wilderness riusciamo a trovarla nel cielo e nei suoi abitanti.

    Siamo all’inizio della fase migratoria che porterà tante specie di uccelli ad affollare i nostri cieli, quindi alle immancabili taccole cornacchie gazze e passeri, cominciano ad affiancarsi tanti altri passeriformi oltre agli indiscussi attori protagonisti, i rondoni e i nostri amati grillai.

    Li osserviamo volteggiare liberi nel cielo e, ad un velato rammarico per non poter essere altrettanto liberi, si associa un sentimento di gioia e di speranza.

    Dalla terrazza di casa cominciamo quindi a giocare con le rondini, cercando di immortalarle mentre sfrecciano velocissime, ad osservare l’incredibile comportamento degli intelligentissimi corvidi nonché a spiare la vita dei grillai nel pieno della loro fremente attività riproduttiva.

    Non riusciamo però ad includere nei nostri scatti le antenne, i cornicioni e le ringhiere, nonostante fungano da comodi posatoi per i nostri amici.

    PdV_Stimolo-1L’unico artefatto che siamo riusciti a digerire è stata la cupola di una delle chiese del centro storico della nostra città ben visibile dalla finestra.

    Per il resto abbiamo cercato di ambientare i soggetti nel blu del cielo terso, tra le nuvole, durante un tramonto o sulla luna!
    In quegli istanti, passati ad osservare il cielo siamo riusciti ad evadere dalla nostra abitazione, a non pensare al grande problema che stiamo vivendo nonché al futuro che ci attende.

    La natura va e andrà avanti, con ritmi sempre più modificati dall’azione dell’uomo, ma adesso è, e sempre sarà, la nostra unica vera fonte di ispirazione.

    Giovanni e Renzo Stimolo, Altamura (Ba)
     
    Torna a tutti gli articoli pubblicati
     

    Giovanni e Renzo Stimolo
    Stimolo_squareGiovanni e Renzo Stimolo, due fratelli che condividono la passione per la natura incontaminata. Nati ad Altamura dove tutt’ora vivono, da vent’anni coltivano insieme questa grande passione per la natura selvaggia che cercano in particolare sulle montagne, dal Pollino, alle Alpi, passando per l’Appennino centrale. Innumerevoli le esperienze compiute dall’inizio del terzo millennio in ogni stagione, praticando escursionismo, trekking, alpinismo, scialpinismo, torrentismo e mountain bike. Ogni uscita è accompagnata da almeno una fotocamera, con la quale fotografare paesaggi, animali selvatici e piante. Dal 2020 soci dell’AFNI nella sezione pugliese con la volontà di migliorare sempre più le proprie conoscenze nell’ambito della fotografia naturalistica.

     ico_facebook ico_instagramicoweb

    Comments Off on #pdv – Obiettivi puntati al cielo…di Giovanni e Renzo Stimolo

    #pdv – L’anno bisestile … di Gigi Gallone

    February 8th, 2021

    Il punto di vista – #PdV
    L’anno bisestile
    La pandemia, la clausura, hanno fatto mancare un appuntamento con la natura.
    Si può pensare positivo facendo di necessità virtù e scoprire che malgrado i limiti, si possono trovare nuove energie nel quotidiano.
    Eppure quell’appuntamento rimandato, è pur sempre una perdita. Leggiamo le riflessioni di un fotografo di natura.

     
     
    CCredo che ogni fotografo non dimenticherà mai ciò che ci ha riservato quest’anno bisestile, già a cominciare con le prime avvisaglie di primavera.

    Fremevo per l’avvicinarsi della bella stagione e già cominciavo a programmare le prossime e numerose uscite.
    Da amante della natura già assaporavo il contatto con il mondo che si svegliava con i primi tepori, con le giornate sempre più lunghe. No, non era così semplice.

    Non avevo fatto i conti con l’altra natura, quella che ha condizionato il mio più grande amore per il micromondo animale e vegetale, con la fauna e con la flora, con gli insetti e le farfalle: il Coronavirus.

    Pdv_Gallone1_06Eppure la vera natura si svegliava, senza di me, e neppure si accorgeva di quanto soffrivo per non poterla rivivere con le immagini.
    Purtroppo non avevo scelta, dovevo soffrire, non sapevo se e per quanto tempo ancora. Piano piano gli spazi si sono allargati e c’è stata la lenta riapertura che mi ha dato la nuova carica per riprendere le belle abitudini. Ma i pericoli non sono finiti con questa nuova ondata, spero per breve.

    Volendo però interpretare gli avvenimenti che si sono susseguiti freneticamente, non mi sono perso d’animo e ho cercato ugualmente di viverli avvicinandomi a quel micromondo nascosto e sconosciuto al quale sono tanto affezionato.

    All’inizio vicino casa e poi rinchiuso in quegli spazi angusti del giardinetto che, da fortunato, potevo permettermi di utilizzare, imparando a conoscere ogni centimetro.
    Spesso soggetti insignificanti e per i quali, da macrista quale io sono, non mi ero mai soffermato ad esaminare tanto da vicino, persino le infiorescenze fra le erbe e fra i muschi hanno attratto la mia curiosità e attenzione.

    Ho perso invece irrimediabilmente, per quest’anno, ciò che la natura ha vissuto inconsciamente senza di me.
    Non si è fermata, a lei il Virus non importa, non lo ha mai conosciuto, non ha fatto il lockdown, si è invece salvata, almeno parzialmente, da tutti quei veleni che noi stessi utilizziamo per produrre sempre di più ciò che poi dobbiamo necessariamente consumare sulle nostre tavole.

    Pdv_Gallone1_05Ho perso il suo risveglio, tantissimi fiori, tante orchidee spontanee, tanti insetti impollinatori, ma chissà quanto avrà gioito, questa meravigliosa natura, a rinascere in modo più pulito, in un silenzio assordante, in un cielo più blu.
    Ricordiamocelo per gli anni a venire.
    La natura non appartiene a noi e dobbiamo trattarla con educazione e rispetto, siamo i suoi ospiti. Non a caso la citazione che fra tutte preferisco è questa: “Fa che la natura non si accorga del tuo passaggio, lascia i luoghi che fotografi come li hai trovati”
    Le immagini qui riportate sono tutte rigorosamente eseguite in “clausura”

     

    Gigi Gallone, Manzano (Ud)
     


    Gigi Gallone
    Gallone_squareUn siciliano trapiantato e adottato in Friuli da moltissimi anni. Il mondo della fotografia l’ho scoperto quando ancora si usava l’analogico. Sospeso e ripreso la vecchia passione quasi 20 anni fa. Le mie scelte si sono fossilizzate sul mondo macro, pur non disdegnando sporadiche occasioni di paesaggistica, ritrattistica, avvenimenti storici con figuranti e carnevaleschi. Questa grande passione si è evoluta grazie alla partecipazione attiva nel Circolo Fotografico Palmarino, al quale sono veramente grato e affezionato. Avendo ormai cessato gli impegni lavorativi mi dedico a tempo pieno a questa passione sfruttando ogni attimo libero per correre fra i prati, campi e boschi alla ricerca di qualcosa di nuovo. Non amo stravolgere le caratteristiche dei soggetti ripresi e utilizzo la post-produzione soltanto per i classici ritocchi sulle foto in RAW

     ico_facebookicoweb

    Comments Off on #pdv – L’anno bisestile … di Gigi Gallone

    #pdv – La musica delle immagini … di Luigi Tanganelli

    January 27th, 2021

    Il punto di vista – #PdV
    La musica delle immagini
    Quando due passioni fanno parte della nostra vita, si confondono e si mescolano, influenzandosi a vicenda. Succede così per Luigi Tanganelli che ha condiviso queste riflessioni tra fotografia e musica.
     
     
    Sono musicista di professione e più precisamente interprete al pianoforte degli autori classici del passato.
    Gran parte dei grandi compositori classici sono stati legati idealmente alle atmosfere che la natura gli ha offerto.
    Dai madrigalisti con Monteverdi a Vivaldi per il periodo barocco, dal classicismo di Beethoven fino ai romantici con Schumann, da Grieg a Tchaikovsky e dagli impressionisti con Debussy e Ravel fino ai giorni nostri, tutti hanno composto, ispirati dalla natura e dalle sue atmosfere, brani con suggestioni più o meno esplicite a volte perfino intitolando inequivocabilmente le loro opere.

    PdV_Tanganelli1_01
    Da sempre ho lavorato sul pianoforte nella ricerca dell’equilibrio delle forme musicali ma soprattutto del suono e del timbro in un percorso che è sempre stato in continua evoluzione per creare visioni sonore ricche di colore, di sfumature dinamiche e di atmosfere riconducibili a quelle che solo la natura sa regalare.

    Da alcuni anni la passione per la natura ha scaturito il bisogno di immortalare con la fotografia i momenti vissuti per poi riviverli e trasmetterli come immagini sonore ed esperienze nelle mie interpretazioni al pubblico.

    Affascinato all’inizio da un gioco molto coinvolgente di apprendimento tecnico, proprio come nel mio strumento, poi é prevalso il bisogno di trasmettere sensazioni e di ricercare nella fotografia un coinvolgimento totale per immergere l’osservatore dentro la scena ripresa.

    Vivere l’emozione del sorgere del sole dalla cima di una montagna e poter contemplare gli spazi infiniti o restare per ore ad ammirare la grandiosità di un paesaggio sempre in continua mutazione con lo scorrere delle stagioni o degli eventi atmosferici; cogliere le sfumature intime e particolari del bosco con i suoi colori, suoni e profumi. Momenti magici che lasciano il segno indelebile in ognuno di noi.

    PdV_Tanganelli1_14 E così, come in una sua opera musicale il compositore cerca una struttura equilibrata ed armonica, il fotografo cerca nell’immagine la sua composizione; come il musicista sceglie la tonalità di un’opera e tutte le sue possibili varianti armoniche per creare quel determinato effetto, così il fotografo lavora il colore e le sue dominanti per ottenere quell’atmosfera, quel mood che renderà unica la propria immagine, in un percorso che non avrà mai fine e sarà sempre in continua crescita.

    PdV_Tanganelli1_16Da qui l’importanza di poter frequentare e vivere assiduamente i luoghi che sento miei, per poter imparare a cogliere e ad osservare tutti i particolari che quotidianamente si evolvono e immedesimarmi totalmente nei paesaggi che decido di raccontare.
    Al termine del percorso fotografico anche la post produzione quindi diventa un momento fondamentale. Il RAW é la partitura da far rivivere all’osservatore per renderlo partecipe della esperienza vissuta e come per la musica é fondamentale il rispetto dell’interprete verso l’opera, così la fotografia pur lasciando lo spazio alla sensibilità, creatività e conoscenza, credo debba essere rispettosa della realtà vissuta per saper apprezzare e cogliere in tutte le sue sfumature la sua naturale bellezza.

    Buona natura a tutti!

    Luigi Tanganelli, Arezzo

     


    Luigi Tanganelli
    Musicista di professione e grande appassionato di Montagna e Natura, da alcuni anni si dedica con interesse alla fotografia naturalistica. Oltre ad essere un grande stimolo per la sua ricerca artistica, spera di far rivivere all’osservatore quei momenti magici e meravigliosi che con tenacia e passione insegue nell’avventura fotografica. Socio AFNI dal 2018, National Geographic Italia ha selezionato alcune sue immagini.
    La Rivista di Fotografia Naturalistica ASFERICO ha pubblicato alcune immagini nelle ultime edizioni.
    Recentemente é stata esposta alla Mostra di Fotografia Naturalistica a Mosca una immagine del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi

    ico_facebook ico_instagramicoweb

    1 Comment "

    #pdv – La fotografia come forma di espressione artistica … di Nicoletta Muscas

    January 20th, 2021

    Il punto di vista – #PdV
    La fotografia come forma di espressione artistica
    Nicoletta Muscas punta la luce sulla “risposta emotiva” del fotografo di fronte alla natura, che è soggetto sempre delle sue fotografie, e invita a riflettere sulla visione unica che ogni autore imprime nelle proprie immagini. 
     
     
     
    Illegame tra il fotografo e il territorio in cui opera è sicuramente molto importante.
    Tuttavia, non sempre le fotografie che ritraggono soggetti naturali vengono concepite con il solo scopo di raffigurare in maniera oggettiva e riconoscibile il luogo nel quale sono state scattate o documentare il comportamento di una determinata specie.

    PdV_Mucas1_01Talvolta, l’intento è quello di condividere la risposta emotiva del fotografo di fronte alla maestosità di un paesaggio, alle geometrie di un fiore o agli affascinanti riti del mondo animale, solo per fare qualche esempio.
    L’immagine che ne risulta può suggerisce concetti non strettamente legati al luogo dal quale trae origine, alla flora o alla fauna rappresentate.

     

    L’idea dell’immagine come metafora, benché ampiamente utilizzata in altre arti visive, è spesso una rivelazione per i fotografi.

    L’atto di fotografare è di per sé semplice: qualsiasi soggetto può essere ritratto da chiunque si trovi in un dato luogo in un dato istante e sappia azionare una fotocamera.
    La fotografia è molto democratica in questo. I moderni smartphone hanno reso ancora questo gesto ancora più immediato.

    Attraverso le immagini creative, il fotografo ha invece la possibilità di mostrare qualcosa che prescinde dalle qualità intrinseche di un soggetto e dalle circostanze del momento.
    Esse si originano dalla sua visione unica, dalla sua capacità espressiva, e sono capaci di mostrarci qualcosa che non esisterebbe se egli non l’avesse immaginata e creata.

    PdV_Mucas1_02È grazie alla creatività che possiamo caricare di nuovi significati la corteccia di un albero, un cumulo di neve modellato dal vento, una crepa sul ghiaccio.
    Se un’immagine illustrativa si limiterà a ritrarre questi elementi, che potranno essere già di per sé interessanti, un’immagine creativa comunicherà qualcosa che andrà oltre le sembianze di ciò che appare visibile nel fotogramma. Cosa ci colpisce ed emoziona davanti a questo genere di fotografie è, dunque, la genialità con la quale l’artista ha reinventato il mondo mostrandoci ciò che è conosciuto in modo inaspettato.

    L’arte non è lo specchio in cui riflettere il mondo, ma un martello per forgiarlo – diceva il poeta e scrittore russo Vladimir Majakovskij.

    Sarebbe dunque un errore limitarsi a valutare il grado di fedeltà di queste immagini con la realtà (criterio spesso adottato anche dagli stessi fotografi) in quanto significherebbe non riconoscere i diversi generi, stili e intenti che caratterizzano questo linguaggio.

    Ed è proprio questa incapacità uno dei più grossi limiti verso il pieno riconoscimento della fotografia come forma di espressione artistica a differenza di quanto avviene per alter forme d’arte come la pittura e la scrittura, dove chiunque saprebbe distinguere (e valutare di conseguenza) un dipinto astratto da un’illustrazione tecnica, una poesia da un articolo di cronaca.

    Nicoletta Muscas, Cagliari

     


    Nicoletta Muscas
    Muscas_squareSono nata a Cagliari nel 1977. Innamorata della mia Sardegna, concordo con Proust nel sostenere che il vero viaggio, la vera scoperta, consista non tanto nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi. Sono però altrettanto convinta che allenare il proprio sguardo alla differenza aiuti a riconoscere e ad apprezzare i mille volti che la bellezza può assumere. Forte di questa convinzione, alla fine del 2015 intraprendo un lungo viaggio nel nord Europa alla scoperta dell’Artico, dove trascorrerò circa tre anni. Amo osservare i piccoli dettagli e comporre immagini astratte che ritraggono armonie di forme e colori. Pur non escludendo le immagini documentaristiche, traggo maggiore gratificazione dalla realizzazione di immagini più intime in cui l’oggetto non coincide con il soggetto e il didascalico cede il passo all’evocazione. 

     ico_facebook ico_instagramicoweb

    No Comments "

    #pdv – In cerca di emozioni … di Cristiano Vendramin

    January 13th, 2021

    Il punto di vista – #PdV
    In cerca di emozioni
    Conoscere così bene i propri luoghi, tanto da progettare un’uscita fotografica mirata per costruire un racconto. Il bagaglio di conoscenza guida il fotografo che sa di trovare la fonte sicura di ispirazione
     
     
    Quando mi è stato chiesto di partecipare alla rubrica Il Punto di vista non ho avuto esitazioni nel rivolgere il pensiero alla Foresta del Cansiglio, ambientazione di splendide giornate trascorse in natura.

    Questa Foresta offre al fotografo frontiere infinite entro cui far spaziare l’immaginazione.
    Al contempo ero consapevole che sarebbe stato inutile ogni tentativo di fornire, seppur sommariamente, una descrizione della grandiosità e delle peculiarità naturalistiche di questo sito.
    Lo stesso ragionamento valeva anche per un breve racconto fotografico.

    PdV_Vendramin1_07Penso che ognuno di noi sia consapevole di essere testimone di una frazione, infinitesimale, della storia e dell’evoluzione della natura, la quale sfugge alle dinamiche ed alle ristrettezze del tempo a nostra disposizione.
    A dirla con le sagge parole di Mario Rigoni Stern, il tempo della foresta non è quello del campo, né del frutteto, nemmeno quello della vita di un uomo.
    Senza dunque alcuna pretesa, tantomeno di esaustività, ho quindi deciso di scegliere una stagione (l’autunno), e di raccontare una recente uscita fotografica.

    Parto la mattina, di buon’ora, da Vittorio Veneto, mia città natale sita proprio a due passi dall’altopiano.
    Questa vicinanza – non lo nascondo – mi è stata di forte aiuto nel corso del 2020, anno segnato da un’emergenza sanitaria che ci ha imposto distanziamenti interpersonali e riduzioni degli spostamenti.

    Torno con voglia a fotografare dopo la breve pausa estiva: in autunno cambia la luce, e si creano condizioni ideali per i fotografi naturalisti.
    Non mi riferisco solamente ai colori, davvero mozzafiato, della stagione, ma anche alle nebbie che, specie in Cansiglio, grazie alla sua morfologia, possono ristagnare per giorni interi.

    PdV_Vendramin1_01Mentre mi avvicino all’altopiano noto con emozione che nella conca le prime nebbie sono già presenti, un ottimo motivo per raggiungere la monumentale faggeta la quale conosce da secoli la presenza dell’uomo.
    In circa venti minuti d’auto, poco prima dell’alba, arrivo alle pendici del Monte Pizzoc, uno dei rilievi che circondano l’altopiano del Cansiglio.

    Il fenomeno, caratteristico di questi luoghi, dell’inversione termica, fa sì che vi sia una inversione anche nella presenza delle specie vegetazionali, con il faggio (Fagus sylvatica) sito a quote più alte (tra i 1100 e i 1400 mt) rispetto all’abete.

    Zaino in spalla mi addentro nel bosco, sperando che la nebbia dalla conca cominci a risalire.
    In appena mezz’ora il bosco cambia completamente aspetto, la nebbia non si è fatta attendere.

    In un primo momento, ancora assente la luce, percorro un sentiero tenebroso; attorno a me sento la presenza di alberi vertiginosi, che assumono sembianze più che stravaganti.
    I folti rami, come lunghi capelli paiono scendere dal cielo; altri formano invece archi o strutture che riconduco a immagini familiari.
    In un piccolo prato un faggio, spezzato dalla forza dal vento, giace da chissà quanti anni.

    Ad un certo punto, inaspettatamente, la luce del nuovo giorno riesce a farsi spazio, rendendo le cortecce dei faggi di un elegante grigio argenteo. Mi sembra di poterle toccare da quanto sono piene di vita.

    L’atmosfera è proprio quella che cercavo; il bosco tutto per me, il bianco della nebbia a cancellare ogni distrazione ed elemento di disturbo, il tempo che sembra essersi fermato mentre utilizzo la mia reflex.
    Quando il sole, ormai alto, scaccia la residua umidità, guardo l’orologio e noto che sto fotografando da oltre tre ore.
    Ma l’incanto non è ancora del tutto svanito.

    Nell’uscire dal bosco, rigenerato, noto un esile faggio che si erge – in tutta la sua fierezza – proprio al limitare del ciglio della strada; anche a lui non ho potuto che dedicare uno scatto prima di rincasare.

    Ora però la luce è troppo forte, e metto via soddisfatto l’attrezzatura fotografica.

    PdV_Vendramin1_04Assieme alle fotografie, che ho avuto il piacere di raccogliere e qui di condividere, rimarrà con me vivido il ricordo di questa uscita, che mi ha fatto un po’ fantasticare e tornare bambino.
    E forse, a pensarci bene, è proprio questo quello che cerco nella fotografia: vivere un’esperienza che mi stupisca e fissare quell’emozione in una immagine. Meglio ancora se questa magia avviene nei luoghi a me cari, e dall’osservazione delle cose più semplici.
    Cristiano Vendramin, Vittorio Veneto (Tv)

     


    Cristiano Vendramin
    Nasce a Vittorio Veneto, capoluogo delle Prealpi Trevigiane. Dopo avere terminato gli studi universitari, gli viene regalata dai genitori la prima reflex, che porta con sé durante le escursioni nelle amate montagne del Nord-Est, Prealpi e Dolomiti. Partecipa a corsi e workshop organizzati da fotografi naturalisti italiani di primario livello. Le sue fotografie sono state premiate in importanti concorsi internazionali (Glanzlichter e Narava Contest).
    Dal 2019 fonda con altri tre fotografi naturalisti italiani il gruppo Innerscape, con l’obiettivo di proporre una fotografia introspettiva, che valorizzi la visione più intima della natura.

     ico_facebook ico_instagram

    No Comments "

    #pdv – Carso, un mondo a colori … di Marco Feresin

    January 6th, 2021

    Il punto di vista – #PdV
    Carso, un mondo a colori
    Immergersi nei colori autunnali, studiando la luce delle piante e in particolare del Sommaco. L’occhio fotografico si rinnova sempre anche quando si è davanti a un unico soggetto…merito della conoscenza, dell’osservazione e della passione.
     
     
    Sono oramai da più di trent’anni un appassionato di fotografia e la scoperta di questo mondo, per me, è avvenuta per caso.

    E colei che involontariamente mi fece conoscere un universo nuovo è stata mia madre che stufa di vedermi scattare fotografie durante i miei viaggi giovanili in Europa, con fotocamere di plastica presenti come gadget nei fustini del Dixan (allora per aumentare le vendite si faceva così), mi comperò la mia prima reflex, una Pentax P30n, macchina a pellicola manual focus con esposizione automatica e manuale a priorità di diaframmi, che tutt’ora ho e che funziona ancora perfettamente.

    Ovviamente le foto che ne uscivano da quelle compatte di plastica erano inguardabili visto che non si poteva intervenire in nessun modo in fase di scatto e ci si doveva affidare alla classica giornata di sole…

    PdV_Feresin1_05Da allora la fotografia per me è stata un crescendo continuo di emozioni e di passione, ha letteralmente cambiato il mio modo di vedere di quello che ci circonda. Ora tutto il mio guardare è in funzione di un’inquadratura, non esiste più bello o cattivo tempo, ma anzi più cattivo è, e più interessante diventa. Piove? C’è vento? Nebbia? Paesaggio desertico o roccioso? Tutto è stimolante fotograficamente!

    E partendo da queste ultime considerazioni che ho pensato di scrivere alcune righe aventi per oggetto il Carso, un mondo a colori, luogo ricco di spunti interessanti che grazie alla fotografia ho imparato a scoprire.

    Tutti più o meno sappiamo cos’è il Carso, un altopiano roccioso calcareo che si estende a cavallo tra Friuli-Venezia Giulia (provincia di Gorizia e Trieste), Slovenia e Croazia, noto storicamente per essere stato teatro di violente battaglie durante la prima guerra mondiale, tra le truppe italiane e quelle austro-ungariche. E tutti sappiamo anche cos’è il carsismo, cioè una particolare forma di modellamento superficiale e sotterraneo causata dall’azione delle acque meteoriche, sorgive e profonde su alcune rocce.

    PdV_Feresin1_06Quando si pensa al paesaggio carsico la prima cosa che viene in mente è una landa desolata ricca di arbusti spinosi e rocce spigolose dove…non c’è nulla da fotografare…e invece, c’è un mondo la fuori! Negli ultimi tempi nelle mie passeggiate, armato di zaino, macchina fotografica e treppiede, mi sono concentrato sui colori autunnali degli arbusti che popolano l’altopiano, sommaco in primis ma anche sulla flora del periodo attuale (ciclamini principalmente) nonché sulla fauna più facile da intravedere come caprioli e i camosci, quest’ultimi presenti nella zona che va dal goriziano sino al monfalconese. Va precisato che in zona vivono anche altri animali tra cui lo sciacallo dorato, ma è difficilissimo da vedere in quanto molto schivo.

    I colori dicevo. Subito dopo il primo freddo d’autunno, per merito del Sommaco, ampie zone del Carso si tingono di colori che variano dal giallo oro al rosso brillante al porpora, e che paiono talvolta vere e proprie fiammate nel paesaggio della landa carsica.
    E’ un caratteristico arbusto il cui nome scientifico è Cotinus coggygria Scop. o Rhus cotinus L., ma che è anche noto come scotano o con il suggestivo nome di albero di nebbia (nome dovuto alle infruttescenze, vistosamente piumate, e che paiono quasi sbuffi di fumo).
    Nella landa carsica, battuta dalla Bora, la sua altezza raramente raggiunge i due metri. Se attecchisce in zone riparate, allora si sviluppa in altezza, raggiungendo anche le dimensioni di un albero. E’ una pianta eccezionalmente robusta, che si accontenta di affondare le proprie radici in pochi centimetri di terra tra le fessure della roccia.

    Nelle mie immagini l’ho ritratto cercando di enfatizzarne i colori assunti in questo periodo, sia dando ampio respiro all’immagine mediante l’uso di grandangolari sia concentrandomi sui particolari quali foglie o l’intreccio dei rami. Certe volte sono proprio entrato dentro l’arbusto stimolato magari dalla luce piatta di quel particolare momento da usare come sfondo all’immagine che avevo in mente.

    Ma come dicevo, non mi sono dedicato a ritrarre il solo sommaco. Camminando lungo i sentieri spesso ci si imbatte in zone dove si possono trovare i ciclamini, che con la loro colorazione contribuiscono ad arricchire la tavolozza dei colori autunnali. Hanno una delicatezza unica questi fiori, stregano per quanto belli sono. Mi sono divertito con le mie macro ambientate, mediante l’utilizzo del 300mm, a valorizzarne l’eleganza e raffinatezza sfruttando il bokeh prodotto dal tele.

    Bokeh che ho sfruttato anche per fotografare l’Eringio ametistino, fiore tipico del Carso e molto spinoso, che nel periodo migliore assume un particolare colore bluastro-violetto dell’infiorescenza ma che io ho ritratto contestualizzato nei colori autunnali del sommaco. E non dimentichiamo l’abete rosso presente in molti esemplari con le sue forme sinuose, quasi a competere in bellezza con la restante vegetazione presente. Insomma, tanta roba!

    Ovviamente non potevano mancare i camosci nelle mie foto, animali presenti in discreto numero sull’altipiano e abbastanza abituati alla presenza dell’uomo, per cui specie verso fine giornata vado a ritrarli in questo ambiente, diverso da quello montano ma non meno interessante. Mi piace rimanere lì con loro a guardarli mentre si inerpicano sulle rocce o mentre le madri coccolano i loro piccoli regalandomi momenti di estrema serenità e piacevolezza.

    PdV_Feresin1_03Queste poche righe non hanno la presunzione di essere, e non sono sicuramente state, un trattato di botanica o uno studio sulla fauna locale, ma semplicemente hanno voluto raccontare la mia esperienza fotografica in un luogo che solo superficialmente può sembrare privo di interesse. In definitiva, il Carso è un mondo particolare e a suo modo unico dove, a pochi chilometri da casa (mia), trovo costantemente qualcosa da scoprire e da imparare che mi arricchisce ogni giorno.

    Marco Feresin, luogo

     


    Marco Feresin
    Feresin_squareNato a Gorizia 56 anni fa, lavora a Trieste nel settore terziario, e da 31 anni oramai è un amante della fotografia a cui dedica con umiltà quel poco di tempo a disposizione che ha, cercando di osservare la natura che lo circonda.

     ico_facebook ico_instagramicoweb

    No Comments "

    #pdv – Missione pescatore…di Luigi De Vivo

    December 30th, 2020

    Il punto di vista – #PdV
    Missione pescatore
    Un incontro si può pianificare anche quando riguarda un selvatico: conoscere i luoghi, le abitudini, gli habitat, può essere fondamentale per cercare di stabilire un contatto (fotografico) con una specie ambita. Ce lo racconta Luigi De vivo, professione Biologo, fotografo appassionato che ha sfruttato le conoscenze per centrare l’obiettivo sulla sua missione: osservare il falco pescatore. 
     
     
    È ancora buio quando comincio a camminare, la torcia illumina i miei passi tra la salicornia sento gli stivali affondare nella melma e diventare più pesanti. Mi trovo in una zona paludosa formata da una grande ansa del mar piccolo a Taranto, la zona è circondata da una grande pineta e l’acquitrino che si forma è l’habitat ideale per moltissimi acquatici che qui svernano, nidificano o sono di passaggio. Il mio obiettivo però è incontrare il falco pescatore che in questa zona, da qualche anno trascorre un po’ di tempo prima di ripartire per i luoghi di svernamento molto più a sud; arriva a fine estate e riparte quando le temperature diventano più rigide, intorno la fine di novembre.

    PdV_DeVivo_1_06Dopo vari tentativi andati a vuoto ecco che un bel giorno il mio amico si fa vedere in tutta la sua bellezza regalandomi le emozioni che cerco ogni volta che parto zaino in spalla. Per me avvicinarmi  alla  fotografia naturalistica è stata una conseguenza del grande amore per gli animali e la natura, questa passione alberga in me sin da ragazzino, come quasi tutti coloro che sono veri amanti della natura.

    Il mio istinto è fotografare gli animali perché lo trovo più vicino alla mia indole, perché la pazienza e lo stare bene da soli sono dei tratti del mio carattere e anche delle condizioni imprescindibili per chi vuole fare fotografia di natura.

    Per fotografare i rapaci è meglio stare sempre nascosti, scelgo il posto, sotto un grande albero con i rami cadenti che già da soli formano un capanno naturale, io ci aggiungo anche un telo mimetico, preparo il cavalletto e la fotocamera, binocolo a portata di mano e sono pronto per l’attesa, comincia ad albeggiare e non fa freddo, anzi si preannuncia una bella giornata.

    PdV_DeVivo_1_02Di fronte a me l’acqua è bassa e cominciano a vedersi anche i pesci che saltano. Ora il sole è già alto, la luce è buona, all’improvviso compare il falco che si va a posare tra i pini dopo aver fatto qualche volteggio, appollaiato sul ramo scruta l’acqua antistante, sembra che voglia lanciarsi, lo spero vivamente ma invece si invola di nuovo , passa quasi sul mio nascondiglio e scompare, continuo a immaginare come sarebbe stato se avesse fatto la sua pesca proprio davanti al mio obiettivo, ma proprio mentre sono immerso nelle mie fantasticherie eccolo che appare di nuovo con la sua preda tra gli artigli, sarà andata a prenderla fuori dalla mia vista, sfila davanti a me e scompare ancora andrà a consumare il suo pasto su di un albero.

    Mi sento soddisfatto anche oggi ho avuto la fortuna di essere testimone di una scena di vita animale, posso ritornare alle mie occupazioni tra gli umani, però è bello poter, attraverso la fotografia, avvicinare questi due mondi apparentemente lontani ma in fondo legati dallo stesso destino.
    Luigi De Vivo, Manduria

     


    Luigi De Vivo
    DeVivo_squareClasse 1965, l’interesse per natura e gli animali lo ha accompagnato fin da piccolo. Biologo e fotografo naturalista da venti anni, dedica quasi tutto il tempo libero alla fotografia, cercando di raccontare la bellezza degli animali e dei loro ambienti. Ha avuto modo di fornire le mie immagini per progetti di educazione ambientale e pubblicazioni varie in collaborazione con Enti parco ed editoria.
    E’ socio AFNI dal 2010.

     ico_facebook ico_instagram icoweb

    Comments Off on #pdv – Missione pescatore…di Luigi De Vivo

    #pdv – Il mondo dietro casa … di Valentina Cometti

    December 22nd, 2020

    Il punto di vista – #PdV
    Il mondo dietro casa
    La fotografia è una fonte infinita di energia. Riesce a metterci in moto quando attraversiamo un momento difficile, o di spalancare porte su nuovi mondi…che si trovano anche dietro casa. Questo è successo a Valentina, che nel suo racconto ci confida proprio questa esperienza, in cui ha svuotato la mente per fare spazio a nuove idee.
     
     
    HOavuto il piacere di poter partecipare alla rubrica “Punti di vista” e questo invito è arrivato nel momento perfetto.

    Ci troviamo in un particolare periodo storico segnato da una pandemia che sta modificando la nostra quotidianità, influenzando i nostri comportamenti e lasciandoci spesso un pensiero di tristezza.

    Io stessa mi sono trovata costretta a cambiare alcune priorità, accantonando momentaneamente progetti personali che mi aiutavano ad affrontare con serenità gli impegni del lavoro.

    PdV_Cometti1_6Vorrei raccontare tutti i particolari di come ho vissuto questa opportunità, ogni passo sarà fondamentale per la creazione delle immagini finali.
    Punti di vista è arrivato come una ventata d’aria fresca, uno stimolo per ritagliarmi di nuovo uno spazio nel mondo della fotografia naturalistica, che proprio in questo momento avevo messo da parte per gestire un’attività da libero professionista che mi occupava la maggior parte dei pensieri
    Ho colto l’occasione e mi sono organizzata per ritagliarmi un paio d’ore in un soleggiato pomeriggio di Martinengo, il paese in cui vivo.
    Ho preso zaino, macchina fotografica con teleobiettivo, documenti, cellulare e chiavi di casa per poi uscire e lasciarmi alle spalle tutti i pensieri.
    .

    Lo stretto necessario, mente libera e serena, volevo gustarmi a pieno la possibilità di poter creare immagini il più istintive possibili. Dopo una breve passeggiata sono arrivata nel Parco del Serio di Martinengo, ho tolto la fotocamera dallo zaino e ho cominciato ad osservare.
    Per un istante ho addirittura scordato il perché fossi lì, mi sono persa nell’ambiente, nei rumori, nei profumi…sono quasi sicura che questo tipo di approccio è vissuto da molti.

    Finito un attimo che possiamo quasi definire mistico la mia attenzione è stata catturata da alcuni volatili, poi identificati come migliarini di palude (Emberiza schoeniclus), in quel momento ha preso vita il mio progetto.

    Ho iniziato a scattare, appostandomi con cautela per non disturbarli mentre svolazzavano tra i canneti.
    Meravigliosi.
    Adoro assistere a queste situazioni, anche se tra le più comuni.

    Tutto è avvenuto spontaneamente, guidata dalle emozioni scattavo per creare le immagini che più mi piacevano e davano entusiasmo, nel frattempo sperimentavo e mi divertivo. Non avevo dubbi che se mi fossi lasciata totalmente trasportare, la mia attenzione sarebbe finita su di loro.

    PdV_Cometti1_5Il mondo dell’avifauna mi affascina tantissimo, sarà perché loro possono volare? Trasmettono in qualche modo una piacevole sensazione di libertà?
    Non me lo so ancora spiegare.
    Il risultato di questo progetto, creato in un paio d’ore nei pressi di casa, sono nove immagini diverse tra loro ma accomunate da un senso estetico che sento mio, maturato in qualche anno di esperienza e in continua evoluzione.
    Quante volte capita di non accorgersi della ricchezza che ci circonda? Fermiamoci un attimo, liberiamo la mente e osserviamo. Rendendo poi concreti questi attimi con la fotografia.
    Valentina Cometti, Bergamo

     


    Valentina Cometti
    Nata a Romano di Lombardia nel 1992.
    Fin da bambina ha avuto un interesse particolare nei confronti della natura che le ha permesso di sviluppare una certa sensibilità per tutto ciò di selvatico e libero. Non sono mai mancate durante l’infanzia gite in montagna o passeggiate nel Parco del Serio con i genitori, presenze che hanno senz’altro contribuito alla nascita di questa sua passione.
    Parallelamente alla scoperta della natura ha coltivato l’amore per l’arte, che si è concretizzato con il diploma in scultura al liceo artistico statale di Bergamo.
    Ma il punto d’incontro maggiore delle sue due grandi passioni (Arte e Natura) ha avuto luogo con l’iscrizione all’Accademia di Belle Arti di Brescia, dipartimento di Fotografia, in particolar modo con lo sviluppo della tesi di laurea triennale. Quest’ultima sintetizza perfettamente l’empatia che la lega al mondo animale e alla fotografia: una tesi improntata sulla ricerca fotografica che la ha avviata alla fotografia naturalistica, ad oggi una delle sue più grandi gioie.”

     ico_facebook ico_instagramicoweb

    Comments Off on #pdv – Il mondo dietro casa … di Valentina Cometti

    #pdv – La casa delle emozioni … di Antonio Aleo

    December 8th, 2020

    Il punto di vista – #PdV
    La casa delle emozioni
    Percorrere sentieri conosciuti, esplorare la propria terra, cercare l’intimità del paesaggio. Antonio ci racconta come un territorio incredibilmente bello quanto poco conosciuto ai più, possa rivelarsi la casa delle emozioni per un fotografo sensibile e attento.
     
     
    Hosempre ammirato i fotografi americani della vecchia scuola, apprezzandone la solitudine, il grande coraggio di sviluppare nuove visioni e ricerche personali, il loro spiccato senso artistico, nel contempo raccontando i capolavori naturali dei parchi nazionali.
    Dopo ”Ansel Adams” alcuni fotografi, primo tra tutti ”Eliot Porter”,  si immersero ancor di più nel profondo creando un forte legame tra sensibilità interiore e l’intimità di una natura inesplorata ed incontaminata.

    Dovessi indicare luoghi ben precisi, che custodiscono al proprio interno tutte le peculiarità della mia terra Calabria, griderei a gran voce Appennino calabro,  luoghi di incredibile bellezza e ricchezza storica e di biodiversità, esempi di un territorio poco conosciuto spesso anche ai calabresi stessi, dove la montagna è il luogo da cui non si fugge, ma dove il calabrese trova riparo spirituale.

    Il mio approccio fotografico è sempre stato abbastanza territoriale, con i suoi pro e contro.

    Questo mi ha permesso negli anni di creare una mia visione fotografica libera da ogni canone estetico e stereotipato, una fotografia introspettiva che fa uso di luoghi fotograficamente poco conosciuti, in qualsiasi momento dell’anno e condizione meteo.

    In dieci anni di attività fotografica ho avuto modo di visitare e fotografare gran parte del territorio calabrese, dalle sue belle scogliere alle montagne, fino ai borghi antichi. Negli ultimi sei anni ho approfondito la mia ricerca fotografica sull’affascinante altopiano della Sila, che posso definire la mia seconda casa (sia per vicinanza del luogo, sia per emozioni).

    Pdv_Aleo1_13La Sila è uno dei tre parchi nazionali calabresi, ricca di immense foreste (circa 40mila ettari) di Pino laricio, sottospecie endemica del Pino nero insidiatosi a sud durante il ritiro dei ghiacciai nelle varie ere glaciali ed evolutosi per resistere al nuovo habitat e cambiamento climatico.
    In Sila esistono laghi artificiali perfettamente inseriti nel paesaggio divenendo di fatto un tutt’uno con la natura circostante, torrenti che attraversano sinuose vallate e bellissime faggete anche secolari, da cui si ergono imponenti abeti bianchi che nei secoli hanno sviluppato caratteristiche importanti per resistere alle piogge acide, per poi discendere tra gole e piccole cascate in una natura selvaggia padrona della sua immensa bellezza e dall’aria qualitativamente più pulita d’ Europa.
    Ciò rende questo luogo ideale per la mia creatività ed ispirazione.

    Come ho scritto qualche riga su, con lo scorrere del tempo ho acquisito esperienze, che sono servite non solo a raccontare il lato naturalistico di questi luoghi,  ma principalmente a sviluppare e fare mia una visione fotografica più intima, introspettiva e metaforica (meno classica e spettacolarizzata)  di questi paesaggi.

    Adoro incamminarmi tra i sentieri esplorando questa natura così semplice, ma ricca di emozioni e contrariamente a molti fotografi di paesaggio, concentro gran parte della mia fotografia nelle ore centrali della giornata (e qui in molti storceranno il naso) prediligendo una luce soffusa e morbida, che dona quel tocco pastello alle immagini.

    Antonio Aleo, Catanzaro

     


    Antonio Aleo
    Aleo_squareFotografo professionista, vive nella sua terra natale, la Calabria, luogo meraviglioso dal sapore quasi selvatico, che unisce mare, montagne, laghi, cascate, foreste e paesaggi collinari.
    Quando si avvicinò al mondo della fotografia, fu subito attratto dai grandi maestri della fotografia di paesaggio, natura e documentaristica, tra i quali spiccano Joe Cornish, David Ward, Charles Cramer, Christopher Burkett, Art Wolfe, Antoine d’Agatà. Questi hanno contribuito a rendere alto il suo interesse principalmente verso la fotografia più sentimentale e Fine Art.
    Dal 2010 fotografa il suo territorio e collabora con diverse riviste ed agenzie fotografiche di natura e paesaggio. Utilizza una fotocamera mirrorless, zoom grandangolari e teleobiettivi, filtri NDG, polarizzatori e treppiedi. Postproduce le immagini principalmente con Capture One e Photoshop. Non aggiunge mai situazioni ed elementi inesistenti, in fase di scatto, alle sue immagini.

     ico_facebook ico_instagramicoweb

    Comments Off on #pdv – La casa delle emozioni … di Antonio Aleo

    Libro AFNI: Boschi e Foreste d’Italia

    December 5th, 2020

    Boschi e foreste d’Italia è il secondo volume della collana “I grandi ecosistemi italiani”, un progetto editoriale dell’AFNI.
    Protagonisti del libro sono i boschi italiani e la loro straordinaria biodiversità, ripresi in tutto il Paese in ogni stagione e nelle più varie condizioni meteorologiche da chi li conosce e li ama. Protagonisti altrettanto indiscutibili sono i 106 fotografi naturalisti, soci AFNI, autori delle 240 immagini che accompagnano l’ottimo testo di Marco Ferrari, giornalista e divulgatore scientifico molto noto, direttore della rivista Asferico.

    Ogni immagine è preziosa, poiché concorre ad arricchire e completare il vasto e complesso quadro degli ambienti e delle specie che più li caratterizzano.

    La scelta di affidare la prefazione a Fabrizio Carbone, giornalista, scrittore, ambientalista, documentarista e pittore di natura a tutto campo, come egli stesso si definisce, la dice lunga sull’orientamento e gli scopi di questo libro. Fabrizio, col suo stile lieve e privo di fronzoli ma con straordinario vigore comunicativo, da sempre cerca di scuotere le coscienze per evitare la catastrofe.

     

    Dettagli:

    Dettagli
    Ed. AFNI, 2020
    Copertina rigida con sovraccoperta, pagg. 168
    Testo di Marco Ferrari
    Presentazione: Alessandro Magrini
    Introduzione: Fabrizio Carbone, giornalista scrittore

    Coordinamento, design e impaginazione: Ioannis Schinezos
    Stampa: Grafiche Esposto sas – Polverigi (An)

    Acquista il libro


    I Fotografi
    Andretta Stefano Filonzi Gianni Paci Francesco
    Angradi Giovanni Fioratti Paolo Paolinelli Franco
    Barchiesi Saverio Fois Gianfranco Pasqualini Nilvana
    Belegni Emanuele Forma Antonio Pastore Federico
    Belegni Massimo Fratini Franco Petito Nello
    Belli Stefano Freddi Serena Piccirilli Andrea
    Benazzato Oscar Furcas Gian Luca Pieroni Mauro
    Bianchi Loris Giuseppino Gardonio Roberto Placenti Felice
    Bondini Marco Gasparotto Massimo Potì Maura
    Borziello Giuseppe Giamberini Silvia Prisco Federico
    Bottini Simone Gianesini Marco Privitera Alberto
    Boz Bruno Giannini Liliana Properzi Stefano
    Bucci Giosuè Gioggi Maurizio Provenzale Antonello
    Cacopardi Saverio Ianiro Alfonso Pugnetti Cristiano
    Cairotti Marco Innocenzi Domenico Quattrin Dario
    Cappuccioni Alessandro Kobal Andrea Renier Giacomo
    Cillo Fabrizio Lavorante Vincenzo Rinaldi Roberto
    Ciocchetti Stefano Lemma Francesco Rizzato Pierluigi
    Coco Mathia Mäenurm Anne Rossi Cesare
    Confortini Elisa Maggesi Marco Rossin Stefano
    Coti Zelati Mario Magrini Alessandro Schinezos Ioannis
    Crovetto Federico Maniciati Armando Sepe Salvatore
    Deiana Laura Marchitelli Antonio Spada Marco
    D’Agostino Raffaele Marson Kevin Stimolo Giovanni
    Delli Carlo Matarrese Maria Teresa Stimolo Renzo
    De Ronch Luca Mastracci Renzo Tambella Luca
    De Siena Luca Mauri Daniela & Pennati Michele Taddei Antonella
    De Simone Ciro Mazzola Clara Torre Paolo
    De Vivo Luigi Menta Giacomo Toschi Michela
    Di Marco Fiorenzo Mezza Massimo Ugo Mirko
    Doa Gianluca Miglio Marinella Ugo Paolo
    Espis Gabriele Monaco Antonio Urbani Marco
    Fantini Sonia Morando Mauro Vaccher Sergio
    Feliziani Luca Nuti Tommaso Zanello Leonardo
    Ferretti Davide Ori Biancamaria Zitelli Mirco
    Ferro Alberto    

    Comments Off on Libro AFNI: Boschi e Foreste d’Italia

    Asferico n. 65 – Sommario

    December 1st, 2020

    barra-65
    Clicca per vedere i contenuti del numero 65 di asferico, quadrimestrale di fotografia naturalistica.
    Pubblicazione: Dicembre 2020 – AFNI edizioni – Fotografia e Natura in articoli e immagini da tutto il mondo.

     

    Comments Off on Asferico n. 65 – Sommario

    Hope – Catherine Lefrancq

    December 1st, 2020

    Catherine Lefrancq
    Hope
    Francia, 2019
    Pagg. 108, € 28,00
    Sito dell’autrice

    iep62_2Non sono molte le donne che praticano la fotografia della natura (anche se in questo numero di Asferico le autrici abbondano); e sono ancora meno coloro che riescono a convogliare il proprio lavoro in un libro. La francese Catherine Lefrancq ha pubblicato questo volume sulla fauna africana, e i grandi mammiferi in particolare, con immagini in bianco e nero con una lieve tonalità rame-seppia. Lo stile di ripresa è classico, senza tante concessioni all’estetica, mentre i testi (in inglese e francese) dei vari autori focalizzano sia sulla conservazione sia sul rapporto uomo-animali con riferimento specifico al continente africano; di qui anche il titolo del lavoro, Hope ovvero speranza.
    Il libro è disponibile direttamente dal sito dell’autrice (vedi sopra).
    (Ioannis Schinezos)
    _________________________________________________

    Recensione pubblicata in Asferico n. 65 (dicembre 2020)

    Comments Off on Hope – Catherine Lefrancq

    L’Italia è un sentiero – Natalino Russo

    December 1st, 2020

    Natalino Russo
    L’Italia è un sentiero
    Storie di cammini e camminatori
    Laterza, 2019
    Pagg. 180, € 16,00

    iep62_2Natalino Russo è un esperto camminatore e fotografo, e di sentieri ne ha percorsi tanti, in Italia e fuori. Questo libro è una visione dell’Italia da quota zero, tra sentieri montani e tratturi in cui si mescolano descrizioni, riflessioni e sensazioni personali dell’autore. Camminare ci consente di aprire tutti i sensi verso lo scenario naturale circostante senza filtri e di esserne parte, offrire e ricevere, un passo dietro l’altro. Un’abitudine antica come il mondo ma che stiamo perdendo per una ragione o per l’altra. Completano il libro due utili capitoli: il Kit del camminatore in cui l’autore, basandosi sulla sua lunga esperienza, elenca alcuni oggetti indispensabili e analizza problematiche che prima o poi ogni escursionista viene ad affrontare, dall’abbigliamento allo zaino, dalle condizioni meteorologiche alla cartografia; e Segnavia, con molte informazioni pratiche sui principali percorsi narrati nel libro.
    (Ioannis Schinezos)
    _________________________________________________

    Recensione pubblicata in Asferico n. 65 (dicembre 2020)

    Comments Off on L’Italia è un sentiero – Natalino Russo

    L’evoluzione della bellezza – Richard O. Prum

    December 1st, 2020

    Richard O. Prum
    L’evoluzione della bellezza

    Traduzione di Valentina Marconi
    Adelphi, 2020
    Pagg. 588, € 33,25

     
    iep65_1Si potrebbe definire un libro idiosincratico. Richard Prum presenta, con dovizia di particolari, di pagine e di esempi, una sua teoria molto peculiare del perché in molte specie animali uno dei due sessi è bello, anche agli occhi dell’uomo. Prum, da bravo evoluzionista, si rifà a Darwin che, dice, è stato dimenticato. Specie nella parte che riguarda la cosiddetta evoluzione sessuale. Quella in cui, sempre secondo Prum, Darwin spiega che i maschi di molti uccelli, e di molti pesci, sono appariscenti, colorati, vistosi. In una parola, bellissimi. Perché, spiega l’autore, alle femmine piace così. Tutto il processo nasce dalle preferenze delle femmine delle specie. Poi procede secondo i principi della selezione sessuale, che amplificano ed enfatizzano proprio la scelta estetica della femmine. Interessante, ben scritto, non del tutto convincente, ma da leggere.
    (Marco Ferrari)
    _________________________________________________

    Recensione pubblicata in Asferico n. 65 (dicembre 2020)

    Comments Off on L’evoluzione della bellezza – Richard O. Prum

    Asferico n. 65 – AFNI Story2

    December 1st, 2020

    AFNI Story: la rubrica di due pagine dedicata a un racconto breve di un nostro socio.
    In questo numero Marco Bondini (AFNI Marche) ci racconta della sua “siepe magica”, un gruppetto di arbusti in un giardino pubblico della sua città dove fa sempre incontri interessanti.
    Specializzato nella macro fotografia, Marco, ci insegna come basti avere lo sguardo giusto e l’animo giusto per riuscire a trovare sempre l’occasione per fotografare.
    Il suo approccio umile e sempre entusiasta, lo porta ad aprire gli occhi su un mondo che conosce molto bene, grazie a studio e documentazione continua.

    Il racconto completo nell’anteprima..
    Guarda la foto Commended
    Scorri il sommario del numero 65


    acquisto-singoloabbonamento

    Comments Off on Asferico n. 65 – AFNI Story2

    Asferico n. 65 – AFNI Story

    December 1st, 2020

    AFNI Story: la rubrica di due pagine dedicata a un racconto breve di un nostro socio.
    In “Cervi per aria”, Elisa Confortini (AFNI Toscana) ci racconta la sua esperienza con i cervi volanti (Lucanus cervus) e il suo approccio fotografico.
    Il racconto completo nell’anteprima..
    Guarda la foto Commended
    Scorri il sommario del numero 65


    acquisto-singoloabbonamento

    Comments Off on Asferico n. 65 – AFNI Story

    Asferico n. 65 – AFNI Commended

    December 1st, 2020

    AFNI Commended è lo scatto di un socio AFNI, una rubrica che in ogni numero ospita uno scatto in formato orizzontale pubblicato in doppia pagina.
    In questo numero l’immagine di Anne Maenurm (socia del Friuli Venezia Giulia).

    Il racconto completo nell’anteprima..
    Guarda la foto Commended
    Scorri il sommario del numero 65


    acquisto-singoloabbonamento

    Comments Off on Asferico n. 65 – AFNI Commended

    Asferico n. 65 – Luci nordiche

    December 1st, 2020

    Il servizio volge lo sguardo verso Nord, alla fotografia delle luci caratteristiche di questa parte (anche remota) dell’Europa.
    Animali, paesaggi, ambienti tipici sono l’essenza del Nordic Nature Photo Contest, di cui noi abbiamo riportato le più belle fotografie dell’ultima edizione.

     

    65_07_pag
    Guarda l’anteprima dell’articolo
    Scorri il sommario del numero 65


    acquisto-singoloabbonamento

    Comments Off on Asferico n. 65 – Luci nordiche

    Asferico n. 65 – L’incontro con…Heike Odermatt

    December 1st, 2020

    L’incontro di questo numero è dedicato a Heike Odermatt, membro della giuria del concorso asferico 2019/2020.
    Attraverso le domande riusciamo a conoscere molto dell’autrice olandese, che ama la natura e si perde in essa.
    Conosce bene la fotografia in molte forme, dalle foto in studio, al reportage allo sport, ma nella fotografia naturalistica trova la sua espressione più èiena, lasciandosi guidare dalla luce naturale.

    65_06_pag

    Guarda l’anteprima dell’articolo
    Scorri il sommario del numero 65


    acquisto-singoloabbonamento

    Comments Off on Asferico n. 65 – L’incontro con…Heike Odermatt

    Asferico n. 65 – Dipinti sulla sabbia

    December 1st, 2020

    Un luogo diventa un’inesauribile fonte di ispirazione per un fotografo di natura.
    Siamo in Brasile, nel Parco Nazionale dei Lencois Matanhenses. E qui che Sandro Santioli ha impostato la sua ricerca fotografica, nelle lagune, tra sabbia e pozze d’acqua modellate dal vento.

    L’articolo racconta il luogo e, con dovizia di particolari, la tecnica utilizzata…
    Le foto sono frutto di riprese fatte dall’alto, ma con un drone, come potremmo pensare, bensì da aerei e elicotteri.
    E allora diventa importante la funzione del pilota, che diventa un insostituibile aiutante ma anche la tecnica del fotografo, la sua visione e l’approccio in aria! 

    65_05_pag

    Guarda l’anteprima dell’articolo
    Scorri il sommario del numero 65


    acquisto-singoloabbonamento

    Comments Off on Asferico n. 65 – Dipinti sulla sabbia

    Asferico n. 65 – Ricerca & Fotografia

    December 1st, 2020

    Ugo Mellone, ricercatore e fotografo italiano, trasferito in Spagna da molto tempo, fa una bella chiacchierata a tutto tondo sulla fotografia insieme al nostro direttore Marco Ferrari.
    Nell’articolo si parla di fotografia certo, ma anche di tutte quelle sensazioni, attitudini, modi di percepire gli spazi che caratterizzano l’autore e che lo hanno influenzato in tutte le sue scelte di lavoro e di stile. Una conversazione rilassata che spazia su temi interessanti, come i progetti, gli studi su una specie, la conservazione. 

    65_04_pag

    Guarda l’anteprima dell’articolo
    Scorri il sommario del numero 65


    acquisto-singoloabbonamento

    Comments Off on Asferico n. 65 – Ricerca & Fotografia

    Asferico N. 65 – Tuttapertura

    December 1st, 2020

    In questo numero nella rubrica ‘Tuttapertura’ ospitiamo lo scatto del fotografo polacco Mateusz Piesiak

    Abbiamo chiesto all’autore di raccontarci come è nata questa foto e lui ha risposto facendoci entrare con lui nel momento…

    Guarda l’anteprima dello scatto
    Scorri il sommario del numero 65


    acquisto-singoloabbonamento

    Comments Off on Asferico N. 65 – Tuttapertura

    Asferico N. 65 – Editoriale

    December 1st, 2020

    Clicca e leggi l’editoriale del direttore

    editoriale65

    Scorri il sommario del numero 65


    acquisto-singoloabbonamento

    Comments Off on Asferico N. 65 – Editoriale

    Asferico n. 64 – Sommario

    August 1st, 2020

    barra-64
    Clicca per vedere i contenuti del numero 64 di asferico, quadrimestrale di fotografia naturalistica.
    Pubblicazione: Agosto 2020 – AFNI edizioni – Fotografia e Natura in articoli e immagini da tutto il mondo.

    • Tuttapertura
      Thomas Wester
    • Naturfotograferna
      a cura di Ioannis Schinezos
      La storia, l’organizzazione e i progetti dell’associazione che raggruppa i fotografi naturalisti svedesi, ma anche la protezione della natura in questo paese scandinavo.
    • Mare e deserto – Baja California Sur
      di Andrea Izzotti
      Una crudele battaglia tra i marlin striati e le sardine. Attorno, un paesaggio magnifico e incontaminato che fonde la vastità dell’oceano con dune e cactus.
    • Concorso asferico 2020
      Conosciamo le spettacolari immagini vincitrici del nostro Concorso di quest’anno. Fotografie che raccontano lo scenario naturale e gli animali, sopra e sotto l’acqua.
    • Incontro con l’autore: Agorastos Papatsanis
      di Ioannis Schinezos
      Grande attenzione per ogni particolare dell’inquadratura caratterizza le composizioni del nostro ospite. Soggetti visti da prospettive nuove e spettacolari.
    • Luoghi dimenticati, luoghi solitari
      di Andrea Pozzi
      Andare in cerca di luoghi remoti, sognati fin dall’infanzia su un piccolo mappamondo. Immergersi nel paesaggio, esserne parte, respirare all’unisono con esso. In solitudine.
    • AFNI commended
      Giovanni Maurizi
    • AFNI story
      di Mauro La Malva
    • Immagini e Parole
      Sul guardare di John Berger
      Spillover – L’evoluzione delle pandemie di David Quammen
      Otters – return to the river di Laurie Campbell & Anna Levin

     

     

     

    Acquista il numero

    Comments Off on Asferico n. 64 – Sommario

    #naturadacasa

    March 15th, 2020

    Cari soci AFNI e amici fotografi di natura, facciamo di necessità virtù!

    Approfittiamo di questo rallentamento delle nostre vite, volgendo lo sguardo e gli obiettivi verso i mondi naturali che ci sono vicinissimi. Riscopriamo i soggetti comuni, che a volte trascuriamo, la fantasia non ha limiti..
    Facciamolo in sicurezza, rispettando le regole che questo momento ci impone (e anche il Governo).
    Ben vengano i nostri giardini, gli orti, i balconi, i luoghi consentiti dove ospitiamo specie selvatiche comuni sia vegetali che animali. Buon divertimento!
    (Un ringraziamento speciale a Matteo Coletta che ha realizzato il banner, sostenendo l’AFNI e l’iniziativa )

    Possono partecipare all’iniziativa i soci AFNI, i fotografi naturalisti e gli appassionati.

    Regolamento: 
    1) Le fotografie dovranno ritrarre soggetti naturali selvatici (animali e vegetali) ripresi nei pressi della propria abitazione. Rispettando le normative emanate dal Governo in materia di mobilità per l’emergenza Covid19
    2) Le fotografie dovranno essere scattate dal 12 marzo 2020 al 3 maggio 2020. Per partecipare dovranno essere salvate in jpg, al massimo della risoluzione, con dimensione 1500px lato lungo, senza l’aggiunta del watermark, e inviate a segreteria@afni.org
    3) Nella mail l’autore deve specificare il luogo dello scatto, la data, nome e cognome, dovrà lasciare visibili i metadati nel file (dati exif) e potrà aggiungere una breve descrizione.
    4) Con l’invio delle immagini l’autore attesta che la foto è stata fatta nel rispetto delle normative emanate dal Governo riguardanti la mobilità per l’emergenza Covid 19
    5) Con l’invio delle immagini l’autore autorizza l’AFNI alla divulgazione sul sito www.asferico.com e sui profili social dell’AFNI a fini NON commerciali, previa apposizione da parte di AFNI del nome dell’autore sulla fotografia prima della sua pubblicazione


    Guarda le Gallerie giornaliere

    (da smartphone si consiglia di girare lo schermo)


    Settimana dal 4 al 9 maggio

    Clicca sulla data per vedere le foto del giorno

    9 maggio8 maggio7 maggio6 maggio5 maggio4 maggio

    Settimana dal 27 aprile al 3 maggio

    Clicca sulla data per vedere le foto del giorno

    3 maggio2 maggio1 maggio30 aprile29 aprile28 aprile27 aprile

    Settimana dal 20 al 26 aprile

    Clicca sulla data per vedere le foto del giorno

    26 aprile25 aprile24 aprile23 aprile22 aprile21 aprile20 aprile

    Le foto pubblicate il 21 aprile 

    453 20200417-Fantini Sonia Fantini
    foto del 17/04/2020
    454 20200414-Del-Piero Margherita Del Piero
    foto del 14/04/2020
    451 20200416-Bresciani Chiara Bresciani
    foto del 16/04/2020
    452 20200411-Potì Maura Potì
    foto del 11/04/2020
    449 20200409-Cappuccioni Alessandro Cappuccioni
    foto del 09/04/2020
    450 20200413-Cecchi Fulvia Cecchi
    foto del 13/04/2020
    447 20200410-giorgini-3 Irene Giorgini
    foto del 10/04/2020
    448 20200315-Visentin5 Leonardo Visentin
    foto del 15/03/2020
    445 20200406-Samaritani Massimo Samaritani
    foto del 06/04/2020
    446 20200329-Bertolini Marco Bertolini
    foto del 29/03/2020
    443 20200409-Matarrese Maria Teresa Matarrese
    foto del 09/04/2020
    444 20200412-Mastracci Renzo Mastracci
    foto del 12/04/2020
    441 20200305-Moscato2 Marco Moscato
    foto del 05/03/2020
    442 20200414-Provenzale Antonello Provenzale
    foto del 14/04/2020

    Le foto pubblicate il 20 aprile 

    439 20200402-Giorgini2 Irene Giorgini
    foto del 02/04/2020
    440 20200415-Romani Luca Romani
    foto del 15/04/2020
    437 20200411-Fantini Sonia Fantini
    foto del 11/04/2020
    438 20200323-Giglio Lara Giglio
    foto del 23/03/2020
    435 20200411-Palma Gianluca Palma
    foto del 11/04/2020
    436 20200414-lorrai Daniele Lorrai
    foto del 14/04/2020
    433 20200316-Visentin-(4) Leonardo Visentin
    foto del 16/03/2020
    434 20200405-Samaritani2 Massimo Samaritani
    foto del 05/04/2020
    431 20200405-Sepe Salvatore Sepe
    foto del 05/04/2020
    432 20200412-Mazzola Clara Mazzola
    foto del 12/04/2020
    429 20200410-DeRubeis Daniele De Rubeis
    foto del 10/04/2020
    430 20200318-Moscato Marco Moscato
    foto del 18/03/2020
    427 20200412-Bartoccioni2 Beatrice Bartoccioni
    foto del 12/04/2020
    428 20200412-Del-Piero Margherita Del Piero
    foto del 12/04/2020

    Settimana dal 13 al 19 aprile

    Clicca sulla data per vedere le foto del giorno

    19 aprile18 aprile17 aprile16 aprile15 aprile14 aprile13 aprile

    Le foto pubblicate il 19 aprile 

    425 20200329-Bergamini Valentina Bergamini
    foto del 29/03/2020
    426 20200413-Conti Francesco Conti
    foto del 13/04/2020
    423 20200413-Bondini Marco Bondini
    foto del 13/04/2020
    424 20200413-Sanchioni Francesco Sanchioni
    foto del 13/04/2020
    421 20200412-Barattini Massimo Barattini
    foto del 12/04/2020
    422 20200413-Del-Piero Margherita Del Piero
    foto del 13/04/2020
    419 20200402-Samaritani2 Massimo Samaritani
    foto del 02/04/2020
    420 20200321-Lai Andrea Lai
    foto del 21/03/2020
    417 20200409-Mandoletti3 Stefano Mandoletti
    foto del 09/04/2020
    418 20200413-Mandarino Daniele Mandarino
    foto del 13/04/2020
    415 20200406-Visentin-(3) Leonardo Visentin
    foto del 06/04/2020
    416 20200403-Giglio Lara Giglio
    foto del 03/04/2020
    413 20200408-Allegretti2 Catia Allegretti
    foto del 08/04/2020
    414  20200411-Bartoccioni Beatrice Bartoccioni
    foto del 11/04/2020

    Le foto pubblicate il 18 aprile 

    411 20200407-Pugnetti Cristiano Pugnetti
    foto del 07/04/2020
    412 20200406-Espis Gabriele Espis
    foto del 06/04/2020
    409 20200413-Timbri Paolo Timbri
    foto del 13/04/2020
    410 20200412-Angradi Giovanni Angradi
    foto del 12/04/2020
    407 20200403-Allegretti Catia Allegretti
    foto del 03/04/2020
    408 20200411-Toniutti Paola Toniutti
    foto del 11/04/2020
    405 20200403-Belegni Massimo Belegni
    foto del 03/04/2020
    406 20200401-Samaritani Massimo Samaritani
    foto del 01/04/2020
    403 20200410-Kobal Andrea Kobal
    foto del 10/04/2020
    404 20200411-Visentin-(2) Leonardo Visentin
    foto del 11/04/2020
    401 20200405-mandoletti2 Stefano Mandoletti
    foto del 05/04/2020
    402 20200404-Pallucca Gabriele Pallucca
    foto del 04/04/2020
    399 20200414-Scarsi2 Paola Scarsi
    foto del 14/04/2020
    400 20200413-Sandoni Davide Sandoni
    foto del 13/04/2020

    Le foto pubblicate il 17 aprile 

    397 20200412-Cillo Fabrizio Cillo
    foto del 12/04/2020
    398 20200412-Belli Stefano Belli
    foto del 12/04/2020
    395 20200412-Tosi Paolo Tosi
    foto del 12/04/2020
    396 20200412-Sardu Marisa Sardu
    foto del 12/04/2020
    393 20200320-Samaritani2 Massimo Samaritani
    foto del 20/03/2020
    394 20200411 De-Marco Giovanni De Marco
    foto del 11/04/2020
    391 20200328-Mandoletti Stefano Mandoletti
    foto del 28/03/2020
    392 20200411-Giordano Anna Giordano
    foto del 11/04/2020
    389 20200329-Visentin Leonardo Visentin
    foto del 29/03/2020
    390 20200410-Knezevich Marco Knezevich
    foto del 10/04/2020
    387 20200411-Lagalante2 Pamela Lagalante
    foto del 11/04/2020
    388 20200407-Rudella Lorenzo Rudella
    foto del 07/04/2020
    385 20200402-Belegni Massimo Belegni
    foto del 02/04/2020
    386 20200330-Medaglia Gianpietro Medaglia
    foto del 30/03/2020

    Le foto pubblicate il 16 aprile 

    383  20200411-Giorgini Irene Giorgini
    foto del 11/04/2020
    384  20200319-Samaritani Massimo Samaritani
    foto del 19/03/2020
    381  20200410-Sepe Salvatore Sepe
    foto del 10/04/2020
    382  20200411-Orlando Michele Orlando
    foto del 11/04/2020
    379  20200410-Lagalante Pamela Lagalante
    foto del 10/04/2020
    380  20200411-Tavolaro Silvio Tavolaro
    foto del 11/04/2020
    377  20200409-Knezevich Marco Knezevich
    foto del 09/04/2020
    378  20200327-Teruzzi Maurizio Teruzzi
    foto del 27/03/2020
    375  20200410-Carlomagno Francesco Carlomagno
    foto del 10/04/2020
    376  20200410-Giordano Anna Giordano
    foto del 10/04/2020
    373  20200408-David Beniamino David
    foto del 08/04/2020
    374  20200406-Placenti Felice Placenti
    foto del 06/04/2020
    371  20200330-Belegni Massimo Belegni
    foto del 30/03/2020
    372  20200403-Medaglia Gianpietro Medaglia
    foto del 03/04/2020

    Le foto pubblicate il 15 aprile 

    369   20200410-Bartoccioni Beatrice Bartoccioni
    foto del 10/04/2020
    370   20200410-Ferri Cristina Ferri
    foto del 10/04/2020
    367  20200319-Messina2 Andrea Messina
    foto del 19/03/2020
    368   20200329-Belegni Massimo Belegni
    foto del 29/03/2020
    365  20200410-Rampi Gabriele Rampi
    foto del 10/04/2020
    366  20200401-Knezevich Marco Knezevich
    foto del 01/04/2020
    363  20200410 De Persis Mario De Persis
    foto del 10/04/2020
    364  20200402-Gallone3 Gigi Gallone
    foto del 04/04/2020
    361  20200402-DainaPalermo Andrea Daina Palermo
    foto del 02/04/2020
    362  20200404-Polonioli Marco Polonioli
    foto del 04/04/2020
    359  20200408-Barbera Antonino Barbera
    foto del 08/04/2020
    360  20200410-Peschiutta2 Mirco Peschiutta
    foto del 10/04/2020
    357  20200408-Angradi Giovanni Angradi
    foto del 08/04/2020
    358  20200331-Cappuccioni Alessandro Cappuccioni
    foto del 31/03/2020

    Le foto pubblicate il 14 aprile 

    355  20200401-Toniutti Paola Toniutti
    foto del 01/04/2020
    356  20200409-DePersis Mario De Persis
    foto del 09/04/2020
     353 20200410-Sandoni Davide Sandoni
    foto del 10/04/2020
    354  20200321-Morselli Maria Grazia Morselli
    foto del 21/03/2020
    351  20200408-Ianiro Alfonso Ianiro
    foto del 08/04/2020
    352  20200408-Placenti Felice Placenti
    foto del 08/04/2020
    349  20200328-Collovati2 Andrea Collovati
    foto del 28/03/2020
    350  20200407-Chrystyan Filice Chrystyan
    foto del 07/04/2020
    347  20200405-Gallone2 Gigi Gallone
    foto del 05/04/2020
    348  20200331_DainaPalermo Andrea Daina Palermo
    foto del 31/03/2020
    345  20200407-Giordano Anna Giordano
    foto del 07/04/2020
    346  20200406-DeMaglie Fulgenzio De Maglie
    foto del 06/04/2020
    343  20200323-Prattico Simone Pratticò
    foto del 23/03/2020
    344  20200327-Mocci Luisa Mocci
    foto del 27/03/2020

    Le foto pubblicate il 13 aprile 

    341 20200408-Timbri Paolo Timbri
    foto del 08/04/2020
    342 20200407-Moni Alberto Moni
    foto del 07/04/2020
    339 20200408-Zurlo Francesco Zurlo
    foto del 08/04/2020
    340 20200403-Gallone Gigi Gallone
    foto del 03/04/2020
    337 20200402-Crescentini Enrico Crescentini
    foto del 02/04/2020
    338 20200327-Collovati Andrea Collovati
    foto del 27/03/2020
    335 20200407-Mandarino Daniele Mandarino
    foto del 07/04/2020
    336 20200324-Cariati Maria Cariati
    foto del 24/03/2020
    333 20200407-Parentella4 Samuele Parentella
    foto del 07/04/2020
    334 20200404-Fantini Sonia Fantini
    foto del 04/04/2020
    331 20200407-Belli Stefano Belli
    foto del 07/04/2020
    332 20200405-Gardonio Roberto Gardonio
    foto del 05/04/2020
    329 20200407-Medaglia3 Gianpietro Medaglia
    foto del 07/04/2020
    330 20200402-Bartoccioni Beatrice Bartoccioni
    foto del 02/04/2020

    Settimana dal 6 al 12 aprile

    Clicca sulla data per vedere le foto del giorno

    12 aprile11 aprile10 aprile9 aprile